21^ di Premier League: ‘Arsenal, adieu!’

martedì 17 gennaio 2012
Di

INGHILTERRA – Il ventunesimo turno di campionato mantiene gli equilibri che si sono formati da qualche settimana a questa parte, con il City che passa sul campo del fanalino di coda Wigan per 0-1 e mantiene tre punti sui cugini rossi, vincenti e vincitori in casa sul Bolton per 3-0. Vince il Chelsea, si fermano Tottenham, Liverpool e sopratutto l’Arsenal, che crolla in Galles. In coda bene i rovers, che vincono in casa e ottimo pareggio dei Wolves al domicilio del Tottenham.

ADIEU, PREMIER LEAGUE! – Non è un dejà-vu. E nemmeno un copia-incolla di qualche articolo precedente. E’ solo (purtroppo per i suoi tifosi) il solito vecchio Arsenal che, come il canone Rai, puntualmente verso Gennaio (a volte sorprende aspettando Febbraio) lancia i titoli di coda alla propria stagione in netto anticipo sulle altre, lasciando almeno la Premier League ad altre contendenti. Non è bastata la bella favola del figliol prodigo Henry che torna e abbatte il Leeds in Fa Cup per rianimare i cuori dei tifosi Gunners, che hanno visto in Galles sfumare praticamente tutte le speranze di poter ambire alla lotta per la Premier League. La squadra di Wengèr, che troppe volte ama rimirarsi allo specchio come una bella modella prima di una sfilata di moda, lascia tre punti sul campo dello Swansea perdendo 3-2 e trovandosi a meno 15 dalla capolista City. Settimana prossima arriverà il Manchester United all’Emirates e, forse, nemmeno una vittoria potrebbe risollevare le sorti di questa stagione che, come accade dal 2004 (anno dell’ultima vittoria in una competizione per l’Arsenal) ad oggi, finisce sempre con ‘zero tituli’. Adieu Premier. Adieu Wengèr?

LOTTA A DUE – Nonostante sia in un buonissimo stato di forma, il pareggio casalingo contro i Wolves ha frenato bruscamente la corsa degli Spurs, lasciando ancora una volta la lotta aperta solo alle due compagini di Manchester. United che sabato ha spazzato via il Bolton con un netto 3-0, rischiando poco e vedendo il ritorno al gol, oltre che dal primo minuto, di Paul Scholes, ever green che non stona mai nel centrocampo dei diavoli rossi, in emergenza totale in quel settore. Sempre nel pomeriggio, il Chelsea di Villas Boas affrontava in casa il Sunderland di un Martin O’Neill che ha rigenerato totalmente i black cats, fermati solo dal ginocchio/coscia di Lampard, che involontariamente mette in rete per l’1-0 finale dopo una stupenda sforbiciata di Torres, in astinenza assoluta di gol ma volenteroso ad aiutare la squadra. Se il Chelsea ha il problema Torres (50 milioni di sterline e DUE gol in stagione) non se la passa meglio il Liverpool che, quasi copiando i rivali londinesi dell’Arsenal, abdicano al titolo in Premier League pareggiando 0-0 in casa contro lo Stoke, con Andy Carroll criticato pesantemente dalla stampa essendo costato 30 milioni di sterline e arrivato per rimpiazzare lo spagnolo Torres ma, con solo due reti anch’egli all’attivo, difficilmente difendibile. Bene il Newcastle, che vince in casa nel ‘launch match’ domenicale contro il QPR e benissimo il Norwich, che espugna il campo del WBA portandosi al nono posto in Premier, a 11 punti dalla zona salvezza. In coda benissimo il Blackburn, che vince 3-1 contro il Fulham e compie un piccolo ma significativo passo verso la conquista della salvezza.

RISULTATI & CLASSIFICA – Terminato il turno 21 di Premier League, ecco i risultati e la classifica: WBA-Norwich 1-2; Tottenham-Wolves 1-1; Manchester United-Bolton 3-0; Liverpool-Stoke 0-0; Chelsea-Sunderland 1-0; Blackburn-Fulham 3-1; Aston Villa-Everton 1-1; Newcastle-QPR 1-0; Swansea-Arsenal 3-2; Wigan-Manchester City 0-1

Manchester City 51; Manchester United 48; Tottenham 46; Chelsea 40; Arsenal, Newcastle 36; Liverpool 35; Stoke 30; Norwich 28; Swansea 26; Everton 25; Sunderland, Aston Villa 24;Fulham 23; WBA 22; Wolves 18; Blackburn, QPR 17; Bolton 16; Wigan 15

Scrivi un commento