Premier League, 25^: Suarez, che vergogna!

martedì 14 febbraio 2012
Di

INGHILTERRA – Nel venticinquesimo turno di Premier League il Manchester City di Mancini continua la sua marcia vittoriosa stendendo l’Aston Villa in casa propria, con lo United che rimane a -2 grazie alla vittoria nel ‘derby’ con il Liverpool. Bene l’Arsenal, che rimonta  e vince 1-2 in casa del Sunderland, ancora male il Chelsea che affonda. Tottenham terzo e schiacciasassi, 5-0 al Newcastle.

WHAT A SHAME! – ‘Shame’, in italiano ‘vergogna’, se letto da una persona del Sud può diventare ‘sceem’, scemo, che è lo stesso. Il concetto, in qualsiasi lingua lo si voglia tradurre, non cambia. Non vi inganni la foto che abbiamo messo per questo articolo, non c’è nessun elogio nel gesto villano, razzista e poco educato del signor Suarez, attaccante del Liverpool. Già condannato per 8 giornate dopo gli insulti a sfondo razzista verso Patrice Evra, difensore del Manchester United, Suarez rincara la dose non dando la mano al francese nella presentazione in campo delle due squadre. Evra prima cerca di prendergli il braccio per farsi stringere la mano, poi lo lascia. Il giocatore dello United mantiene la sua dignità, dimostrando di essere un professionista e volendo lasciarsi tutto alle spalle mentre l’uruguaiano si dimostra per quello che è, un’idiota. Meriterebbe altre 10 giornate di squalifica, per gesto antisportivo e, nuovamente, razzista ma il giorno successivo alla sfida ha almeno avuto il (poco) buon senso di scusarsi per quello che aveva combinato. Comportamenti del genere vanno puniti, in qualsiasi ambito. Bravo Evra, un signore dentro e sopratutto fuori dal campo; male Suarez, un’ignorante dentro e fuori dalla vita.

PARLIAMO DI FOOTBALL – La partita tra United e Liverpool vede i red devils prendere la rivincita della Fa Cup e portarsi a casa 3 punti d’oro grazie alla doppietta di Rooney all’inizio della ripresa, abile prima ad insaccare su calcio d’angolo e poi freddo a infilare la palla sotto le gambe di Reina in uscita, per il 2-0. Nel finale accorcia Suarez ma non basta, Liverpool e la sua città devono ancora sottostare allo strapotere di Manchester. Città di Liverpool che si prende (in parte) una piccola rivincita su Londra, protagoniste Everton e Chelsea, con i toffee di Liverpool subito in gol con il figliol prodigo Pieenar, appena ritornato dopo un anno di Tottenham e raddoppiano nella ripresa con Stracqualursi, per il 2-0 finale. Villas Boas rischia di essere l’unico allenatore negli ultimi 7 anni a non arrivare almeno terzo in premier e, continuando così, forse rischia addirittura di non arrivare a fine stagione. Bene il Tottenham che liquida con estrema facilità il Newcastle con un 5-0 roboante grazie ad un Adebayor in gran forma, con quattro assist e la ciliegina del 5-0 siglato personalmente. Nello scontro salvezza al Reebok Stadium tra Bolton e Wigan vincono gli ospiti per 1-2 trovando così una boccata d’ossigeno e accorciando la classifica nelle retrovie e ottima vittoria del Blackburn, strapazzato una settimana fa all’Emirates ma voglioso di non andare in Championship e vittorioso in casa per 3-2 contro il QPR, che resta quindi in lotta per non retrocedere.

LE ROY, THIERRY HENRY - Volutamente lasciato per ultimo, l’Arsenal vince in rimonta 1-2 in casa del Sunderland, grazie al gol di Thierry Henry al 92′, alla sua ultima apparizione in Premier League. L’uomo fidato di Wengèr entra dalla panchina al 66′ e non fa in tempo ad entrare in partita che il Sunderland passa in vantaggio: Mertesacker controlla male un pallone per colpa del terreno e si infortuna alla caviglia, cadendo a terra. McClean ne approfitta e sigla il gol del vantaggio, non sapendo la gravità dell’infortunio del difensore gunners. 1-0 Sunderland al 70′. Entra Ramsey al posto del tedesco e dopo cinque minuti sigla il pareggio con un tiro da fuori area che prende entrambi i pali e poi si insacca alle spalle del portiere, 1-1 e situazione nuovamente in bilico. Quando ormai sembra tutto finito, al 92′ Arshavin punta un uomo sulla fascia, dà un’occhiata in mezzo e vede il movimento del re di Francia Henry, che in allungo col piattone destro colpisce il pallone crossato da Arshavin e sigla il gol vittoria, 2-1 Arsenal. Sembra un film a lieto fine ed invece è tutto vero, Henry giocherà l’ultima partita in Champions contro il Milan ma, nuovamente, lascerà un ricordo indelebile nei cuori dei tifosi dell’Arsenal. Au revoir, ‘Tity!

RISULTATI E CLASSIFICA – Chiuso anche questo turno di campionato, ecco risultati e situazione dopo venticinque giornate di campionato: Manchester United-Liverpool 2-1; Swansea-Norwich 2-3; Sunderland-Arsenal 1-2; Fulham-Stoke 2-1; Everton-Chelsea 2-0; Bolton-Wigan 1-2; Blackburn-QPR 3-2; Tottenham-Newcastle 5-0; Wolves-WBA 1-5; Aston Villa-Manchester City 0-1

Manchester City 60; Manchester United 58; Tottenham 53; Arsenal, Chelsea 43; Newcastle 42; Liverpool 39; Norwich 35; Sunderland, Everton 33; Swansea, Fulham, Stoke 30; WBA 29; Aston Villa 28; QPR, Blackburn, Wolves 21; Bolton 20; Wigan 19

Scrivi un commento