Nazionale, Bologna: la ‘prima’ di Alino

MODENA – Contro Malta Prandelli ha schierato per la prima volta Alessandro Diamanti tra gli undici titolari, dopo l’ex Viviano, titolare il 7 settembre 2010 con le isole Far Oer, più nessun rossoblù era partito dal primo minuto.

RUOLO – Dopo il mesto pareggio con la Bulgaria, Prandelli ha cambiato modulo e uomini schierando ‘Alino’ da trequartista, dietro la coppia romanista Osvaldo – Destro. Un esperimento che, a giudicare dalla sostituzione al termine del primo tempo con Insigne, sembrerebbe fallito. Fin ora il trequartista rossoblù era entrato a partita in corso, schierandosi quindi da seconda punta, o da centrocampista aggiunto.

POCHI SPAZIO, POCHI SPUNTI – Com’era prevedibile, gli avversari maltesi, consapevoli della loro inferiorità, volevano evitare la goleada e si sono chiusi nella loro trequarti campo, con marcature a uomo e ampio uso del fallo tattico, con l’intento di limitare gli spazi agli azzurri. Al di là degli aspetti tattici, bisogna dire che la prestazione di Diamanti non è stata esaltante: ha faticato a trovare la posizione, e si è fatto notare essenzialmente per una bella punizione neutralizzata dal portiere maltese. Prandelli ha grande stima di Alino e certamente lo riproporrà, la questione è: in quale ruolo? Alino troverà spazio in un eventuale tridente da seconda punta o subentrerà a partita in corso come all’Europeo? Questa è una scelta del ct.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *