Catania: mai una partenza così, intanto si prepara già la partita di Bologna

CATANIA –  Dopo la vittoria di ieri contro l’Atalanta, a Torre del Grifo i ragazzi allenati da Rolando Maran non hanno tempo di godersi la vittoria perchè già impegnati nella preparazione della partita di domenica a Bologna. Allo stadio Dall’Ara gli spettatori assisteranno sicuramente ad una partita combattuta tra due squadre che vivono un ottimo stato di forma e che possano puntare anche a qualcosa in più della salvezza.

MAI UNA PARTENZA COSì – La squadra etnea non ha mai avuto un così felice avvio di stagione, nemmeno lo scorso anno con Montella la partenza in campionato era stata tanto ottima. Infatti dopo 5 giornate sono già 8 i punti messi in cascina dai ragazzi rosso-azzurri, mentre lo scorso campionato erano 6. Mister Maran intelligentemente sta mixando i suoi concetti di calcio con quelli di Montella, la squadra sembra che stia rendendo al meglio proprio per questo ottimo mix di concetti. Continuando così il Catania può ambire non solo ad una salvezza tranquilla ma anche a qualcosa in più. Insomma i tifosi etnei possono sperare nell’accesso all’Europa, soprattutto considerando il livello della nostra serie A.

SI PENSA GIà AL BOLOGNA – Quando si devono affrontare i turni infrasettimanali, gli allenatori e i calciatori di serie A non possono mai rilassarsi, infatti la squadra vittoriosa ieri contro l’Atalanta, oggi ha già dovuto voltare pagina e pensare alla partita di domenica contro il Bologna. Dalle indiscrezioni che giungono da Torre del Grifo, Rolando Maran sta pensando di riconfermare per lunghi tratti la formazione andata in campo ieri. Viene molto discussa la posizione del portiere etneo, il quale sembra l’unica nota stonata di questo inizio stagione con le sue numerose incertezze, non ultimo l’errore (fortunatamente ininfluente) di ieri che ha consentito Maxi Moralez di portare l’Atalanta in vantaggio. Infatti sembra che l’allenatore ex-Varese stia pensando di lanciare dal primo minuto l’ex portiere vicentino Alberto Frison.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *