Serie B, 8^: Reggina-Novara 1-0

REGGIO CALABRIA – Allo stadio “Oreste Granillo” si affrontano Reggina e Novara per l’ottava giornata del Campionato di Serie B. Gli amaranto sono reduci da tre sconfitte consecutive e l’ambiente è in fibrillazione. Attorno alla squadra di mister Dionigi c’è molta tensione, dovuta alla scarsità di risultati positivi ed ai continui cambi di modulo tattico che non fanno trovare il giusto assetto alla squadra. Il Novara diventa, così, l’occasione per ritrovare il giusto approccio al campionato, sebbene la squadra di mister Tesser rappresenti un ostacolo difficile da superare, vista la sua migliore posizione in classifica. Arbitra il signor Cervellera di Taranto.

INIZIO LENTO – Le due squadre cominciano la partita in maniera accorta, con il Novara che però sembra essere più organizzato. La Reggina ha un inizio lento, tanto che la manovra appare appannata e non riesce a portare i calciatori in zona d’attacco. L’unica occasione per i padroni di casa arriva da un calcio d’angolo, sul cui sviluppo c’è la possibilità di sfruttare un pallone che attraversa tutta l’area di rigore ma nessuno riesce a deviarlo verso la porta. Gli amaranto hanno due buone occasioni al 16’ ed al 25’, prima con Fischnaller, ben lanciato da Ceravolo e, poi, con Ely, che sfiora il gol su un tiro dalla bandierina.

IL NOVARA COMANDA IL GIOCO – Gli ospiti si dimostrano padroni del gioco e riescono a confezionare belle azioni che mettono in ambasce la Reggina. Mister Tesser ha organizzato una buona squadra che non ha paura di affondare i colpi in attacco, come al 29’, allorquando Gonzalez ha la palla buona per far passare in vantaggio il Novara ma spreca malamente su Baiocco in uscita. Si ha l’impressione che solo un’occasione fortuita possa far passare in vantaggio le due contendenti, specie la Reggina. Al 37’, infatti, Rizzo serve bene Ceravolo che scarta gli avversari e tira, ma la palla termina fuori di poco. Nei tre minuti di recupero, non succede nulla.

SECONDO TEMPO – La seconda frazione di gioco si apre senza sostituzioni e con il Novara che riesce sempre a comandare il gioco. La Reggina tenta delle ripartenze, consapevole del fatto che possiede un Ceravolo in gran forma, capace di guizzi velocissimi.

IL GOL DELLA REGGINA – È proprio su uno di questi guizzi che, al 50’, Ceravolo scatta per vie centrali, lasciando sul posto i difensori novaresi ma, prima di entrare in area, viene atterrato da tergo dal capitano Ludi, il quale viene espulso da Cervellera. Sulla conseguente punizione dal limite, centrale, il difensore amaranto Ely scocca un gran tiro che finisce in rete, complice una deviazione in barriera: 1-0. Si tratta dell’occasione che cambia il volto alla partita, con la Reggina in vantaggio e con un uomo in più.

IL NOVARA SBANDA – Dopo questo episodio, la squadra di mister Tesser non è più la stessa, perde lucidità e non riesce a far girare bene il pallone come prima. Ne riceve giovamento la compagine di mister Dionigi che, adesso, sfiora anche il raddoppio con Rizzo. Mister Tesser cerca di correre ai ripari ed inserisce Ghiringhelli in luogo di Motta. Tuttavia è sempre la Reggina che sfiora il gol, ancora con Ely, su calcio d’angolo, ma Bardi è bravo a deviare. Gli amaranto, comunque, rimangono pericolosi e, al 62’, sono pericolosi con Rizzo che spara a botta sicura da distanza ravvicinata ma un difensore salva la porta novarese.

LE MANOVRE DI TESSER – L’allenatore del Novara le prova tutte pur di recuperare il minimo svantaggio subito: butta nella mischia prima Lazzari e, poi, Faragò. Gli risponde mister Dionigi coi cambi di Sarno e Comi. La partita, però, si è ormai incanalata verso un buon controllo del gioco da parte della Reggina, forte dell’uomo in più e del vantaggio di misura. Inoltre, al 90’, sugli sviluppi di un contrasto di gioco, Lazzari viene espulso per somma di ammonizioni e per il Novara, ormai in 9 uomini, ormai è buio pesto. Sebbene il signor Cervellera ordini 4’ di recupero, da qui alla fine non cambia nulla: vince la Reggina per 1-0 e blocca la mini crisi che l’aveva colpita.

Reggina-Novara: 1-0 (0-0)
Marcatore: 50’ Ely

Reggina (3-5-2) – Baiocco, Adejo, Ely, Di Bari, Rizzo, Hetemaj, Barillà, Rizzato, D’Alessandro (dal 43’ Melara), Ceravolo (dal 75’ Comi), Fischnaller (dal 60’ Sarno). All. Dionigi. (Facchin, Bergamelli, Castiglia, Bombagi).

Novara (4-3-1-2) – Bardi, Lisuzzo, Ludi, Del Prete, Buzzegoli (dal 63’ Lazzari), Barusso, Marianini (dal 77’ Faragò), Bastrini, Motta (dal 50’ Ghiringhelli), Piovaccari, Gonzalez. All. Tesser. (Kosicky, Perticone, Rubino, Baclet)

Arbitro: Cervellera di Taranto
Assistenti: Chiocchi di Foligno e Raparelli di Albano Laziale.
IV Ufficiale: Abisso di Palermo

Angoli: 6-6
Ammoniti: 12’ Barillà; 15’ Barusso; 75’Marianini; 90’ Lazzari
Espulsi: 47’ Ludi; 93’ Lazzari
Spettatori: 3.054

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *