Serie B: Spezia, 0-0 a Cittadella e arriva la zona play-out

CITTADELLA – A La Spezia il 19 marzo si festeggia il Patrono della città, e anche la squadra probabilmente si augura un aiutino “dall’alto” per uscire dalla zona calda della classifica. Invece, nonostante ritrovi il gioco e la pericolosità, non va oltre uno 0-0, che, per la concomitanza dei risultati delle squadre che la seguono, vuol dire entrata ufficiale in zona play-out.

LE TATTICHE – Il Cittadella si schiera con un classico 4-3-3, con Vitofrancesco e Giannetti in più rispetto alla formazione di Sassuolo, dovendo fare a meno di Domitru e Perna. Lo Spezia, che non può schierare il convocato Goian in difesa, risponde con un inedito 4-4-1-1 con Sammarco a supporto dell’unico attaccante Okaka. Si rivede in squadra anche Madonna. Guarna dato titolare nelle formazioni prepartita, deve dare forfait all’ultimo momento per un problema al ginocchio e gioca Iacobucci.

PRIMO TEMPO – La prima frazione di gioco è piuttosto brutta e noiosa: tanti gli errori soprattutto a centrocampo. La partita la fa comunque lo Spezia, che pare più tonico e soprattutto ben disposto in difesa. Le uniche azioni degne di nota del primo tempo sono sue. Per due volte con Okaka che al 3′ ci prova con una rovesciata alta sopra la traversa e al 13′ deviando leggermente un cross di Porcari dalla destra che impegna, ma non trova impreparato Cordaz, ex di giornata. Al 20′ tocca invece a Bovo chiamare il portiere alla parata con un tiro da fuori area su bel cross di Mario Rui dalla sinistra.

SECONDO TEMPO – Lo Spezia rientra in campo animato ancora dalla spinta propositiva che aveva caratterizzato il primo tempo, e ancora una volta fa sue le occasioni più pericolose. Il rientro di Madonna si vede: la sua spinta sulla fascia è costante e le sue ripartenze creano non pochi problemi alla difesa del Cittadella. Al 1′ cerca poi di diventare ancor più protagonista con una bella punizione da fuori area che impegna Cordaz in una non facile deviazione in angolo. Sul corner seguente Paolucci rischia l’autogol, deviando la palla poco fuori dalla propria porta (benché l’arbitro non se ne accorga e non conceda il nuovo corner). Al 9′ l’azione forse più bella della partita: Okaka passa di tacco sulla trequarti a Sammarco che gli chiude il triangolo, l’attaccante vede Madonna e gli offre la palla per il cross al centro che impegna Cordaz in una respinta corta preda di Okaka, che stoppa la palla di petto e tira rasoterra, trovando nuovamente Cordaz pronto alla parata. La pressione dello Spezia non tende a calare: al 19′ è Sammarco a sfiorare di poco il palo con un tiro da fuori, al 20′ Bovo coglie la traversa su azione d’angolo e al 24′ è Okaka a chiamare nuovamente alla parata di piede Cordaz con un tiro ben angolato su assist di Bovo. Al 30′ l’episodio che potrebbe cambiare la partita: Romagnoli, già ammonito per un inopportuno fallo a centrocampo a seguito di una punizione battuta male da lui stesso, prende il secondo giallo per trattenuta su Di Carmine lanciato a rete. In realtà la difesa dello Spezia tiene bene e concede solo due conclusioni deboli di Di Roberto e di Schiavon dal limite, ben controllate da Iacobucci. In mezzo una punizione di Porcari dalla trequarti tirata di notevole potenza che impegna Cordaz a terra.

CONCLUSIONI – Pensare che quando queste squadre si incontrarono all’andata lottavano entrambe per la zona alta della classifica sembra impossibile. Ora gli obbiettivi sono altri e chi sembra arrancare di più è sicuramente lo Spezia. Gli aquilotti tornano a casa con un’iniezione di fiducia per quanto visto, soprattutto per la crescita difensiva che il lavoro di Cagni sembra aver portato, ma anche per la vivacità di manovra e le occasioni create. Adesso è però sicuramente indispensabile ritrovare la via del gol persa, perchè è il terzo 0-0 consecutivo e, se da una parte vuol dire “imbattibilità” dall’altra, alla resa dei conti, rappresenta 3 soli punti in 3 partite mentre le squadre intorno sembrano aver trovato la via dei risultati, e questo, al momento, significa piena zona play-out.

CITTADELLA-SPEZIA 0-0

CITTADELLA (4-3-3): Cordaz; Sosa; Pellizzer; Gasparetto; Biraghi; Vitofrancesco (60′ Schiavon); Paolucci; Busellato (90′ Baselli); Di Carmine; Minesso; Giannetti (64′ Di Roberto). A disp.: Pierobon; Coly; Di Nardo; Ciancio. All.: Foscarini

SPEZIA (4-4-1-1): Iacobucci; Pasini; Romagnoli; Schiavi; Garofalo; Madonna (80′ Piccini); Porcari; Bovo; Mario Rui; Sammarco (86′ Di Gennaro); Okaka (80′ Sansovini). A disp.: Russo; Albaraccin; Benedetti; Antenucci. All.: Cagni

ARBITRO: Borriello di Mantova. Guardalinee: Ceccarelli e Cucchiarini. Quarto uomo: Ros.

NOTE: Serata invernale, terreno in buone condizioni. Ammoniti: Biraghi, Schiavon e Busellato del Cittadella, Garofalo e Porcari dello Spezia. Espulso Romagnoli dello Spezia (doppia ammonizione). Recupero: 1′ pt, 3′ st.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *