Serie B: lo Spezia riprende fiato, 2-0 a Crotone

CROTONE – Sfida importante allo Scida di Crotone tra due squadre che lottano per non restare invischiate nella lotta salvezza, ma che arrivano con diversi stati d’animo: il Crotone è una squadra che esprime un buon calcio in questo periodo e che domenica ha messo in seria difficoltà il Verona costringendolo ad una difficile rimonta sul suo campo; lo Spezia è una squadra confusa, demoralizzata, senza un’identità precisa che nel giro di pochi mesi si è trovata trascinata nella zona pericolosa, ed è soprattutto reduce da una brutta sconfitta casalinga in quella che riteneva essere la partita del rilancio con la Pro Vercelli.

TATTICHE – Entrambe le squadre si schierano con un 4-3-3 speculare. Il Crotone deve fare a meno dello squalificato Eramo e dell’ex Crisetig, convocato per l’Under 20. Cagni, assenti Garofalo per squalifica e Benedetti, anche lui con l’U20, schiera una squadra inedita tendendo in panchina Sansovini, Madonna e Goian, alzando Piccini a supporto delle punte e spedendo Di Gennaro addirittura in tribuna.

PRIMO TEMPO – La partita comincia con un minuto di raccoglimento per Ponzo, ex aquilotto deceduto domenica scorsa, e per cui lo Spezia, a lui legato dal punto di vista sportivo, ma soprattutto umano, ha chiesto di giocare con il lutto al braccio. La prima occasione della partita è dello Spezia al 2′ con Antenucci che prova la botta da fuori, ma trova pronto Caglioni a deviare sopra la traversa. Lasciata la sfuriata iniziale alla squadra bianca, il resto del primo tempo è poi tutto del Crotone, che impone il suo gioco e schiaccia lo Spezia nella sua metà campo. Al 17′ la prima grossa occasione: Mazzotta mette al centro dalla sinistra per l’accorrente Maiello che spara a botta sicura, ma la palla, ben angolata, è stoppata addirittura da Ciano davanti alla porta. Al 23′ un cross proveniente dalla destra coglie completamente fuori tempo Pasini, che mancando l’intervento di testa, lascia libero De Giorgio di battere a rete, con un tiro però troppo centrale che trova Iacobucci pronto. Al 36′ la più grossa delle occasioni per il Crotone: cross dalla destra, difesa dello Spezia impreparata, Schiavi che addirittura si lascia colpire dal pallone, confezionando un assist per Ciano che da pochi passi tira a rete per due volte consecutivamente trovando sempre Iacobucci pronto alla respinta, la seconda delle quali termina sui piedi di Maiello che, da dentro l’area piccola, a porta vuota, spara sulla traversa. Lo Spezia riesce ad allentare la pressione solo al 38′ quando Antenucci prova il tiro al volo di destro, chiamando Caglioni alla parata.

SECONDO TEMPO – Il secondo tempo si apre con una novità nelle file dello Spezia: l’ingresso di Lollo al posto di Bovo. Chi si aspetta di vedere ancora il Crotone imporre il proprio gioco su uno Spezia arrendevole, viene subito deluso: al 5′ Sammarco riceve palla da Antenucci al limite dell’area e scarica in porta un tiro teso rasoterra, su cui Caglioni non può nulla, che va ad insaccarsi all’angolino basso. Primo gol stagionale per l’ex di Samp e Chievo, troppe volte sotto i suoi standard in questa stagione. Il Crotone prova a rispondere al 15′ con un tiro-cross di Mazzotta dalla sinistra, battezzato come innocuo dal portiere aquilotto e che invece lambisce il palo. La spinta del Crotone però si ferma qui, non riesce più a creare nulla ed anzi subisce lo Spezia, che al 23′ raddoppia con Lollo: sugli sviluppi di un “corner corto”, dopo una di serie di batti e ribatti in area, la palla arriva fuori area tra i piedi di Lollo che salta in bello stile due uomini e batte a rete in diagonale, insaccando nello stesso angolino del primo gol. Anche per lui prima marcatura stagionale. Lo stesso Lollo al 48′ prova a rendere più rotondo il risultato con un’altra conclusione dal limite, alta sopra la traversa.

CONCLUSIONI – Il Crotone non riesce a concretizzare quanto di buono prodotto nel primo tempo e viene punito nel secondo da un 2-0, per di più con una concorrente diretta, che suona come un passo indietro dopo le buone prove degli ultimi tempi, ma soprattutto una pesante battuta d’arresto che ora come ora, per la classifica avulsa, significa play-out. Ed il prossimo turno è in casa del lanciatissimo Empoli. Lo Spezia vince su un campo difficile in uno dei momenti peggiori della sua stagione e prova a dare un calcio alla crisi. Non si allontana dal pantano della lotta salvezza, ma tira una boccata d’ossigeno. Cagni assapora la prima vittoria della sua gestione e spera di aver trovato le risposte che cercava dalla squadra, per dare quella continuità necessaria ad uscire dalla zona calda. Per questo ora la partita in casa col Grosseto ha un solo risultato accettabile.

CROTONE-SPEZIA 0-2

CROTONE (4-3-3): Caglioni; Del Prete; Abruzzese; Ligi; Mazzotta; Maiello; Matute; Galardo (69′ Calil); Gabionetta (77′ Falconieri); Ciano (56′ Pettinari); De Giorgio. A disp.: De Luca; Migliore; Vinetot; Addae. All.: Drago

SPEZIA (4-3-3): Iacobucci; Pasini; Romagnoli; Schiavi; Mario Rui; Sammarco (76′ Musacci); Bovo (46′ Lollo); Porcari; Piccini; Pichlmann (59′ Okaka); Antenucci. A disp.: Russo; Madonna; Sansovini; Goian. All.: Cagni

ARBITRO: Palazzino di Ciampino (RM). Guardalinee: Pegorin e Manna. Quarto uomo: Saia.

MARCATORI: Sammarco (S) al 50′; Lollo (S) al 67′.

NOTE: Serata mite, campo in buone condizioni. Ammonizioni: Abruzzese e Maiello del Crotone, Bovo e Porcari dello Spezia. Recupero: 0′ pt, 3′ st

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *