Campionato di basket – Serie A: spunti per la terza giornata di ritorno

Occorre fare due passi indietro prima di analizzare cosa ci prospetta la terza di ritorno. Una notizia è passata quasi inosservata: la Nazionale italiana rinuncia, pur avendo l’invito gratuito, ad i prossimi Mondiali. Rimaniamo di stucco perchè dopo un Europeo dignitoso, la truppa di Pianigiani non andrà alla massima competizione continentale. Risparmiamo soldi, la tesi della Federazione: bene, domanda? Il mister da oggi sarà pagato per quale obiettivo?. Punti oscuri per un movimento che cerca la rinascita. Secondo aspetto, il ritorno in “panca” di Giorgio Valli, chiamato da Bologna per sostituire Luca Bechi. Ben tornato ad un ottimo coach reduce dal licenziamento di un anno fa decretato dalla Sidigas Avellino, ricco di polemiche ma nel quale l’allenatore modenese aveva poche responsabilità. Ora proviamo ad analizzare il menù del campionato.

Diciamo Cremona: secondo noi il clou vede Cremona-Brindisi. La squadra lombarda, reduce da due vittorie inaspettate con Siena e Bologna, attende l’ormai consolidata Enel, che non si ferma più. Ecco il tema è questo: Pancotto riuscirà a fermare l’inerzia dei pugliesi? Risposta ostica ma crediamo che la Vanoli sarà un osso duro per la capolista, che dovrà offrire una prestazione forte per uscire indenne dalla trappola chiamata Cremona. Pochi riflettono sul fatto che Brindisi sta conservando il primato a dispetto di un calendario difficile, stesso vale per la Vanoli che ha risalito la corrente, nonostante l’avversario di volta in volta facesse paura o quasi. Formazioni guidate in regia da due folletti chiamati Woodside e Dyson, con la difesa marchio Cremona, con l’organizzazione di gioco in attacco chiamata Brindisi. Curiosità notevole, vorremmo il biglietto.

La seconda trasferta: terra toscana,  seconda trasferta consecutiva per il Banco Sassari. Dopo la sconfitta maturata a Cantù, i sardi si recano a Pistoia. Brutta partita per gli uomini di coach Sacchetti, che hanno perso contatto dalla vetta che dista quattro punti: diciamo che l’innesto di Gordon ha migliorato il tema tattico della squadra, con maggiori soluzioni offensive e più giocate nel centro area, dove Linton Johnson ha deluso ampiamente. A Pisotia non sarà facile perchè i padroni di casa sono la squadra, tra le cosiddette piccole, più in forma attualmente, tanto che hanno perso di solo cinque lunghezze ad Avellino e non dimentichiamo lo scalpo di Cantù di due settimane fa. Quindi, ci si aspetta una partita spettacolare che Sassari deve vincere e che Pistoia cercherà di non mollare facilmente.

Le altre big: Milano, vittoriosa in Eurolega, attende Caserta, per un incontro che dovrebbe essere privo di criticità: si tratta di vedere solo lo scarto finale; Cantù si reca a Pesaro, per un testa-coda che non è scontatissimo, in quanto chi riceve gioca sempre al massimo tra le mura amiche; mettiamoci anche che i brianzoli hanno giocato in settimana e viaggiare non aiuta a recuperare energie. Roma, l’altra da alta classifica, riceve Avellino. Dalmonte contro Vitucci, che spera in un blitz nella capitale, che varrebbe molto da un punto di vista psicologico, dato che Avellino è in cerca di identità, di compattare il  gruppo e di dare un colore non opaco al torneo fin qui svolto.

Tra una settimana ci si gioca a Milano la Coppa Italia, teniamo sotto osservazione le magnifiche otto.

Umana Venezia  Cimberio Varese  02/02 16:30
 Granarolo Bologna  Montepaschi Siena  02/02 18:15
 EA7 Emporio Armani Milano  Pasta Reggia Caserta  02/02 18:15
 Giorgio Tesi Group Pistoia  Banco di Sardegna Sassari  02/02 18:15
 Victoria Libertas Pesaro  Acqua Vitasnella Cantù  02/02 18:15
 Vanoli Cremona  Enel Brindisi  02/02 18:15
 Acea Roma  Sidigas Avellino  02/02 18:15
 Grissin Bon Reggio Emilia  Sutor Montegranaro  02/02 20:30

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *