L’Udinese sbanca il ‘Dall’Ara’: 2-0. Sprofondo rossoblu

BOLOGNA – L’Udinese passa al Dall’Ara e si tira fuori dalla zona calda della classifica, dopo 4 sconfitte consecutive in campionato, inguaiando ulteriormente un Bologna poverissimo, e penalizzato ulteriormente da alcune decisioni arbitrali. Più squadra i friuliani, meglio organizzati, con un centrocampo più tecnico, un trio difensivo insuperabile, capaci di reggere l’urto dei padroni di casa nella ripresa e di trovare risorse in panchina come l’ottimo Nico Lopez, oltre a mettere in mostra il 17enne portiere Scufflet, sicuro come un veterano. Il Bologna, vittima della pochezza del suo organico, si è svegliato solo nella ripresa, regalando di fatto tutto il primo tempo, ma con uno sterile possesso palla; qualche buona conclusione da fuori area, ma mai i rossoblu hanno liberato un uomo al tiro.

PRIMO TEMPO – Parte forte l’Udinese, e al 15’ un fallo ingenuo di Pazienza su Lazzari manda Di Natale sul dischetto per il vantaggio friuliano. Fallo non evidentissimo ma il rigore ci può stare. Il Bologna non reagisce, si prova con molti lanci lunghi per l’isolatissimo Bianchi senza costrutto, il pressing dei bianconeri impedisce al Bologna di giocare, e comunque mancherebbero gli uomini per costruire azioni manovrate. Allan, subito ammonito per gioco scorretto, viene graziato dall’arbitro per un altro duro fallo e opportunamente Guidolin, nel secondo tempo, lo lascia negli spogliatoi. Non un tiro in porta dei padroni di casa nella prima frazione.

RIPRESA – Il Bologna inizia con un altro piglio, Diamanti si decentra sulla sinistra e con alcune sovrapposizioni di Morleo mette qualche cross pericoloso, peraltro sempre preda degli insuperabili centrali bianconeri. Un paio di buone conclusioni del trequartista toscano da fuori area mettono i brividi ai friuliani, che comunque non si disuniscono e si difendono con ordine. Entra Moscardelli nei padroni di casa, e il Bologna passa al 4-3-1-2. Il barbuto attaccante si rende pericoloso con una conclusione appena fuori, e poi si guadagnerebbe un rigore per una netta trattenuta di Basta in piena area, ma viene invece ammonito per simulazione. Guidolin inserisce Nico Lopez e Maicosuel, facendo uscire Di Natale, ed è la mossa vincente; l’Udinese esce dal guscio e sfiora il 2-0 in contropiede con Nico Lopez che si fa ipnotizzare da Curci, che nulla può, nel finale, con lo stesso Nico Lopez che chiude il match in un’altra micidiale ripartenza, col Bologna sbilanciatissimo in avanti e che ha giocato, inutilmente, anche la carta Acquafresca.

CONCLUSIONE – L’Udinese vince con merito, e riprende la sua marcia verso un campionato tranquillo, mettendo in mostra alcune individualità davvero importanti, oltre ad un organizzazione di gioco superiore. Il Bologna invece, che nulla o quasi ha fatto nella finestra di mercato appena conclusa (il Sassuolo, per esempio, ha preso ben 12 giocatori nuovi, e anche il Livorno si è rinforzato), se non tenersi Diamanti, al di là degli errori arbitrali di questa partita sprofonda sempre più verso la serie B; sinceramente, vista la pochezza tecnica di questa squadra, riesce difficile trovarne 3 più deboli.

LE PAGELLE

BOLOGNA

CURCI- 6.5 incolpevole sui gol, salva su Nico lopez e Lazzari nel primo tempo

ANTONSSON- 6 Discreta partita da centrale di destra, e poi da terzino destro con l’uscita di Garics

NATALI- 6.5 sicuro come centrale e, di fatto, fa il regista aggiunto, con tanti lanci lunghi per Bianchi, peraltro spesso imprecisi

CHERUBIN- 6 non commette errori da centrale di sinistra, col cambio di modulo più in crisi contro i contropiedi di Nico Lopez. dal 73’ LAZAROS s.v

GARICS- 5 non spinge mai, non crossa mai, si limita a controllare Pereyra, sacrificato nel cambio di modulo DAL 60’ MOSCARDELLI 6.5- buon impatto, va subito al tiro e si guadagnerebbe anche un rigore)

MORLEO- 6 più propositivo di altre volte, qualche buona combinazione con Diamanti

PAZIENZA- 4.5 non si vede mai, tocca pochissimi palloni e causa anche il rigore su Lazzari con fallo molto ingenuo, anche se non clamoroso

PEREZ- 6 in posizione da centromediano metodista, tocca e recupera tantissimi palloni, quello è il suo mestiere. Ma il regista non lo sa fare e non lo scopriamo oggi

KONE- 5 Nel primo tempo non pervenuto, nella ripresa fa qualcosina di più ma comunque non incide. La scarsità di mediani gli impone un ruolo non suo. Ammonito, sarà di nuovo squalificato

DIAMANTI- 6.5 come sempre l’unico che possa inventare qualcosa, dà l’anima sbagliando anche molto, ma è l’unico che va al tiro e che va sulla fascia a crossare. Nel finale, inevitabilmente, cala e viene ingenerosamente fischiato

BIANCHI- 5.5 solito match da centravanti boa, cercato dai lanci lunghi ma la vede pochissimo. La prestazione con il Napoli per ora, è un eccezione. dal 67’ ACQUAFRESCA- 5, invisibile

All. BALLARDINI – 5.5 un’altra partita impostata per non perdere, l’episodio del rigore manda all’aria i suoi piani. Con quest’organico può far poco, come poteva far poco Pioli. Approccio agonistico troppo morbido, regala il primo tempo all’Udinese.

UDINESE

SCUFFLET- 6.5 sicuro come un veterano, il 17enne esordiente. Non gli arriva comunque neanche un tiro nello specchio.

HERTAUX- 7.5 insuperabile di testa, tantissime chiusure, IL MIGLIORE SPORTMAIN

DANILO- 6.5 raddoppia su Bianchi, mai in difficoltà

DOMIZZI- 6.5 regista difensivo navigato, ottima intesa con i compagni di reparto

BASTA- 5.5 si limita a coprire ma i pochi pericoli arrivano tutti dalla sua parte

BADU- 6 partita di grande sacrificio, specie nella ripresa

ALLAN- 5 molto falloso e molto nervoso, rischia il rosso e Guidolin lo fa uscire all’intervallo dal 46’ PINZI- 6 aiuta il centrocampo nella mezz’ora iniziale della ripresa

PEREYRA- 6 non spinge molto ma tiene a bada Garics con tranquillità. Da lui ci si aspetta di più

LAZZARI- 6.5 si guadagna con mestiere un rigorino, fa il suo da mezzala, non appariscente ma efficace

FERNANDES- 5.5 dovrebbe appoggiare Di Natale  ma non trova la posizione. dal 65’ NICO LOPEZ– 6.5 prima manca il 2-0 in contropiede, ma nel finale lo trova. Ottimo impatto e grande tecnica

DI NATALE- 6 ottavo gol al Dall’Ara per lui, trasforma con freddezza il rigore, ma troppo isolato davanti non incide dal 74’ MAICOSUEL s.v.

ALL. GUIDOLIN- 7 ottima organizzazione di gioco, partita preparata benissimo e letta ancor meglio nel secondo tempo, con cambi opportuni e tempestivi. Unica domanda; perché non Nico Lopez dall’inizio?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *