Il Catania inchioda il Livorno sul 3-3. Zona retrocessione, capitolo ancora aperto

CATANIA – La sfida salvezza tra gli etenei ed i labronici si apre con un primo tempo fortemente condizionato dalla tensione, che lascia poi spazio ad una seconda frazione di gioco resa autenticamente pirotecnica dagli assalti del Livorno che costringono i padroni di casa a rispondere, tempestivamente e colpo su colpo, all’inarrestabile Emeghara. Un punto per parte dunque, che tuttavia lascia l’amaro in bocca alla compagine amaranto che ha provato in tutti i modi a bissare il prezioso successo ottenuto contro il Sassuolo appena una settimana fa.

AL FISCHIO D’INIZIO – Il Catania del neo richiamato Maran si presenta in avanti con Bergessio supportato dal trio Leto-Lodi-Barrientos, mentre il Livorno Di Carlo risponde con un prudente 5-3-2, con Rinaudo a supporto della linea di difesa e la coppia composta da Paulihno ed Emeghara arruolata per la fase offensiva.

INCONTRO COMBATTUTO AL MASSIMINO – Gli ospiti si mostrano subito più reattivi, anche se fanno un po’ fatica ad essere concreti al momento delle conclusioni. Paulinho ed Emeghara sono già pericolosi al quinto minuto, Frison indovina però l’intervento e disinnesca il pericolo. La squadra di Di Carlo manovra bene ma il pallone continua a rimanere lontano dalla porta catanese per tutto il primo tempo.

DI CARLO SUONA LA CARICA – Nella ripresa il Livorno appare subito più grintoso, determinato a portarsi in vantaggio. Al 4′ st Spolli é bravo a salvare il Catania su Paulinho, ma appena un minuto più tardi la respinta corta di Frison, dopo il gran tiro di Emerson, arriva ad Emeghara che da facile posizione può siglare l’uno a zero per i labronici. Maran prova a mescolare le carte in campo facendo entrare Izco e Castro, la mossa gli da subito ragione; al 16′ della ripresa una disattenzione degli amaranto su Barrientos consente al pallone di giungere a Bergessio, Bardi para ma non trattiene e Bergessio può quindi ribadire in rete il gol del pareggio per gli etnei.

IL LIVORNO MANTIENE ALTO IL RITMO – Emeghara è ancora protagonista al 26′, viene atterrato in area da Frison e lascia la trasformazione del calcio di rigore a Paulinho che riporta avanti gli ospiti sull’1-2. Tre minuti più tardi arriva però la pronta risposta di Barrientos che, approfittando del rilassamento della linea difensiva del Livorno, trova il varco giusto e riporta in parità il Catania.

GLI SCHEMI SALTANO… – Le squadre si allungano ed aumentano i varchi a favore degli attaccanti. Al 30′ un’azione in velocità sulla metà campo si trasforma nell’ennesima ghiotta occasione per Emeghara che, fatta fuori la linea di difesa catanese, inventa un diagonale che fredda Frison. Quando per gli amaranto sembra ormai fatta, arriva il colpo di coda dei siciliani con Almiron che, di rapina, raccoglie un pallone filtrante e chiude il match sul 3-3 finale.

Catania (3-5-2) – Frison 4; Bellusci 5 (10′ st Izco 7), Spolli 6, Rolin 6, Peruzzi 5, Lodi 6.5, Rinaudo 5 (25′ st Almiron 7.5), Barrientos 7, Biraghi 6.5, Bergessio 6.5, Leto 5 (15′ st Castro 6). A disp.: Andujar, Ficara, Legrottaglie, Capuano, Monzon, Gyomber, Fedato, Plasil, Keko, Boateng.  All.: Maran 6

Livorno (5-3-2) – Bardi 5.5; Mbaye 5, Rinaudo 6, Ceccherini 6 (25′ st Valentini 6), Emerson 6.5, Castellini 6, Benassi 6.5, Luci 7, Duncan 6, Emeghara 8 (34′ st Belfodil 6), Paulinho 7 (39′ st Biagianti SV).  A disp.: Aldegani, Anania, Mesbah, Piccini, Mosquera, Borja. All.: Di Carlo 7

EMEGHARA 8 (MIGLIORE IN CAMPO SPORTMAIN) – Il giocatore nigeriano con passaporto svizzero lascia un’impronta pesante sull’incontro: è protagonista in due marcature e si guadagna anche il penalty che verrà trasformato da Paulinho. La mosca atomica sceglie di rompere il digiuno lungo cinque mesi regalando agli amaranto il meglio di sé.

Arbitro: Bergonzi

Marcatori: 6′ st e 32′ st Emeghara (L), 16′ st Bergessio (C), 27′ st Paulinho (L), 30′ st Barrientos (C)′, 43′ st Almiron (C)

Ammoniti: Duncan (L), Biraghi (C), Bellusci (C), Paulinho (L), Benassi (L), Almiron (C), Emerson (L), Mbaye (L), Bergessio (C)

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *