Sei attaccanti per due posti: alla Juventus si è in troppi

L’acquisto a sorpresa di Osvaldo – Il grande colpo del mercato di gennaio, in casa Juventus, è stato l’attaccante italo-argentino Osvaldo. Un prestito dal Southampton con diritto di riscatto a ben 19 milioni. Un’operazione che ha lasciato perplessi in molti e, in effetti, ancora oggi si fa fatica a capirla. Il parco attaccanti dei bianconeri aveva giù cinque punte, di cui tre che vedevano e vedranno il campo pochissimo. Inoltre l’uscita dalla Coppa Italia con la Roma non imponeva un ampliamento della rosa. Ci sono anche dei dubbi sul giocatore in sé. A livello tecnico non si discute, è un ottimo elemento e sa far gol. Ma caratterialmente è stato un problema in quasi tutti i club in cui ha militato. Starà a Conte metterlo in riga.

Un colpo in prospettiva – Osvaldo alla Juventus assume un senso solo se quest’estate l’intenzione di Marotta e del suo staff è di vendere due attaccanti. Ma niente è scontato perché anche le scorse stagioni, o nel recentissimo passato, le operazioni in uscita di Giovinco, Quagliarella o Vucinic hanno fallito. Tra l’altro ben 19 milioni di euro come riscatto non è uno scherzo. Ma questi sono discorsi che si faranno dopo il Mondiale brasiliano e bisogna pensare all’oggi.

I piani bianconeri erano altri – Considerando il fatto che Tevez e Llorente sono quasi inamovibili in campionato, per tutti gli altri c’è solo la vetrina, un po’ opaca, dell’Europa League. Difficile per loro valorizzarsi in questo modo e, dall’altra parte, anche la Juventus avrà problemi a vendere due tra Giovinco, Quagliarella e Vucinic a prezzi convenienti. Così se si dovesse riscattare il prestito di Osvaldo, ci sarà un svendita di punte. Probabilmente i piani bianconeri erano altri. Chiudere lo scambio Vucinic-Guarin sostituendo il montenegrino con l’italo-argentino. Poi in estate si sarebbe ceduto o Pogba o Vidal a cifre astronomiche, avendo il ricambio Guarin già in casa. Tutto è saltato ma Osvaldo lo si è prelevato comunque. Solo il tempo dirà se è una cosa positiva o meno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *