Lazio – Roma: le pagelle dei biancocelesti

Berisha 6+ – I biancocelesti corrono un bel rischio sulla sua respinta corta, ma Gervinho stavolta è tradito proprio dalla sua grandissima velocità: fuorigioco. Un paio di discreti interventi, e tanta sicurezza in uscita: esordiente, non soffre il clima-derby e anzi regala sicurezza ai compagni di reparto. Non impegnatissimo, in ogni caso.

Konko 6 – Gli tocca il compito più ingrato: fra Gervinho e Bastos deve soffrire per forza ma, alla fine, non capitola mai. Un recupero importante, in ogni caso: posizione, diagonali, regala quella stabilità necessaria in un derby che gli alti e bassi di Cavanda non avrebbero garantito.

Biava 7.5 – Ancora una gara inappuntabile, non cede un metro e, in coppia con Dias, cerca sempre l’anticipo tenendo sotto pressione gli avanti avversari.

Dias 7.5 – Idem come sopra, ma ruvido e duro come il marmo. La spallata a Gervinho nel finale è un intervento molto più difficile e importante di quanto appaia a primo impatto.

Radu 6.5 – Gervinho dalla sua parte non buca perchè lui, semplicemente, non gli da modo di affrontarlo: Garcia lo inverte. Gioca la sua discreta gara, condita da un paio di disimpegni importanti nel finale che danno vita a contropiedi importanti.

Gonzales 6 – Spento, manca di brillantezza. Soffre, e tanto, Strootman: normale per uno fuori forma che gioca soltanto per la squalifica di Biglia. Tatticamente, però, Reja si fida più di lui che di Onazi, e ha ragione: la prova nei 10 minuti in cui gli da il cambio. Sost. Onazi sv – Non sarebbe giusto dargli un’insufficienza, ma in pochi minuti sbaglia un passaggio che poteva valere altri 2 punti, perde un paio di palloni che significano contropiedi subiti e Reja gli richiama più volte la posizione.

Ledesma 7+ – Grande gara di abnegazione per lui, torna a essere il capitano che alzava il livello di attenzione come pochi nella stracittadina. Più pulito del solito in impostazione, insostituibile davanti alla difesa.

Lulic 6+ – Utile alla causa sia da mezzala che da esterno con l’ingresso di Mauri, si danna l’anima e ce la mette tutta pur non trovando giocate di qualità.

Candreva 7+ – Peccato non aver avuto la possibilità (capacità…) di sfruttarlo di più anche nella ripresa: contro Torosidis qualcosa di interessante sarebbe uscito fuori. Spina nel fianco costante, è sempre il più pericoloso degli avanti.

Keita 5/6 – Voglioso, ma incostante. Sbaglia un bel po’ di palloni, ma la sua faccia tosta nel puntare Maicon è sempre un pensiero nella difesa della Roma. Cambio probabilmente preventivato, in caso sarebbe stato meglio il contrario. Sost. Mauri 5.5 – La notizia migliore è il suo rientro, ed è già qualcosa, ma quasi un anno di attività si vede tutto. Il suo ingresso porta al cambio di modulo, ma di fatto la Roma sembra avere una preoccupazione in meno da quel momento.

Klose 6+ – Il manuale di tutto quello che una punta dovrebbe fare fuori dall’area quando non arrivano palloni: pressing, far salire la squadra, puntare quando si può. Però non tira mai in porta, e quando sei l’unica punta…

Reja 6/7 – Prepara benissimo la gara, con molto più coraggio del solito. Il cambio Keita/Mauri, però, lascia qualche perplessità: si poteva perlomeno aspettare. Conquista un punto importantissimo, rimanendo imbattuto in campionato anche dopo aver affrontato Roma e Juventus. E questo è quanto conta, e quanto importa a lui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *