Catania-Lazio, un match che può cambiare una stagione

CATANIA – Le lunghe sedute di allenamento al centro sportivo di Torre del Grifo, alcune delle quali svolte a porte chiuse, hanno segnato le intense giornate che precedono la delicata sfida interna contro la Lazio che si giocherà nell’anticipo domenicale delle 12.30. Gli etnei sono infatti costretti a giocarsi, partita dopo partita, le esigue speranze di incamerare punti utili per uscire dalla zona calda della Serie A.

POCHE GIOIE, TANTI DOLORI – La prima parte del campionato, sia per il Catania che per la Lazio, non ha certamente riservato grandi gioie. Entrambe le compagini hanno vissuto una stagione dai contorni spigolosi, un’esperienza che le ha portate a sperimentare, a reinventarsi e poi a ritornare sui propri passi. Con la guida di Edy Reja i biancocelesti hanno lasciato da parte il gioco spettacolare e si sono messi alla ricerca del risultato, nudo e crudo. Durante la gestione De Canio, durata appena tre mesi, il Catania ha invece perso tre posizioni arrivando ad occupare l’ultima posizione in solitaria. Il ritorno in panchina di Maran ha sortito l’effetto positivo di ottenere, per la prima volta in questa stagione, una serie di tre partite senza sconfitte.

CHI DIFENDERA’ IL FORTINO  – Contro la Lazio, che si presenterà al Massimino priva di Helder Postiga, Ederson ed Emiliano Alfaro, nel 4-3-3 etneo sono state confermate le indisponibilità di Almiron, Leto e dell’estremo difensore rossazzurro Frison, ancora bloccato dallo stiramento al bicipite femorale sinistro rimediato nella gara contro il Livorno. Rolando Maran affiderà dunque ancora una volta la difesa della porta catanese  nelle mani di Mariano Andujar, confermando con molta probabilità anche gli altri dieci protagonisti di Parma. Questo l’elenco completo dei giocatori convocati:

Portieri: Andujar, Ficara.
Difensori: Alvarez, Bellusci, Biraghi, Capuano, Gyomber, Legrottaglie, Monzon, Peruzzi, Rolin, Spolli.
Centrocampisti: Barrientos, Castro, Izco, Lodi, Plasil, Rinaudo.
Attaccanti: Bergessio, Boateng, Fedato, Keko, Petkovic.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *