Sochi 2014: doppio oro storico nella discesa femminile, continua il dominio statunitense nello snowboard

A Sochi 2014 si è disputata la gara regina delle olimpiadi invernali con la discesa libera femminile che ha riservato grandissime emozioni che entreranno nella storia, il programma di snowboard prosegue con l’halfpipe femminile.

DOPPIO ORO STORICO – Il programma di sci alpino propone la discesa libera femminile che vede assegnare un oro ex aequo per la prima volta nella storia delle olimpiadi dopo una gara davvero appassionante. La grande prestazione la fa Dominique Gisin che fa una discesa da sogno, da qui inizia la lunga attesa della svizzera per le discese seguenti che uno dopo l’altra la portano ad emozionarsi sempre più realizzando di aver vinto la medaglia più preziosa. La discesa decisiva è della Maze che va a fare lo stesso tempo della Gisin e vince un’oro storico anche per la Slovenia, primo olimpico in assoluto; per la dominatrice della scorsa stagione di sci alpino è stato il riscatto dopo che quest’anno è andata al di sotto delle attese nella Coppa del Mondo e ben lontana da quella dello scorso anno. Lara Gut conquista il bronzo che sa di delusione per lei che si aspettava molto di più in questa disciplina, posizione di legno per la Merighetti, a cui vanno solo tanti applausi per quello che ha fatto nonostante i problemi fisici che la affligono in questa olimpiade. Deludono tutte le altre protagoniste a partire dalla Hoefl-Riesch, vincitrice della supercombinata, che arriva addirittura tredicesima.

HALFPIPE – Nello snowboard gli statunitensi lasciano ancora il segno dopo i due ori nello slopestyle e il clamoroso quarto posto del superfavorito della gara maschile di halfpipe. Al femminile arrivano l’oro con Farrington, dopo un testa a testa con l’australiana Bright che prende l’argento, e il bronzo con Clark.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *