Parma, poker per l’Europa. Atalanta battuta in casa (0-4)

BERGAMO – Il Parma prosegue la sua striscia record, e si avvicina sempre di più a coronare il sogno “Europa”. Battendo l’Atalanta con un poker, i gialloblù ottengono il dodicesimo risultato utile consecutivo: un ruolino di marcia degno di una grande squadra.

SUPER MIRANTE –  Colantuono deve fare a meno di Del Grosso sull’out di sinistra: al suo posto viene schierato Brivio. A centrocampo invece, Baselli e Carmona sostituiscono Cigarini, squalificato, e Migliaccio. Donadoni concede un turno di riposo ad Amauri, mettendo Palladino al fianco di Cassano. L’avvio è tutt’altro che scialbo: dopo appena 50’’, Lucarelli tocca con la mano il pallone in area di rigore, scaturendo le accese proteste dei padroni di casa. Maxi Moralez è il migliore dei nerazzurri, ma al 9’ il Parma passa in vantaggio con il primo goal del neo acquisto Molinaro: l’ex Stoccarda raccoglie un cross di Biabiany ed infila Consigli, complice la deviazione decisiva di Stendardo. La squadra di Colantuono non si scompone; prova a rimettere in pari le sorti del match, trovando sulla propria strada un Mirante superbo, decisivo ad evitare il pareggio prima su Baselli, autore di una punizione quasi perfetta, poi sul solito Moralez che, con un colpo di testa a distanza ravvicinata, prova a battere il portiere emiliano. Dopo il goal, gli ospiti gestiscono la partita, respingendo ogni attacco avversario. Da sottolineare un tiro da fuori area di Biabiany, finito in calcio d’angolo. Senza concedere alcun minuto di recupero, Tommasi manda le due formazioni negli spogliatoi, dopo un primo tempo ben giocato da entrambe le squadre. La squadra di Donadoni ha concretizzato al meglio la prima occasione utile per portarsi in vantaggio, mentre gli undici di Colantuono hanno trovato un Mirante in giornata, bravo a spazzare via ogni eventuale pericolo.

DISASTRI BERGAMASCHI – I padroni di casa rientrano in campo ancora più agguerriti, nonostante Gargano sfiori il raddoppio per i crociati. La Dea si porta in avanti, diventando pericolosa con un colpo di testa di Bonaventura, deviato, dall’estremo difensore parmense, in corner. Colantuono dà maggior peso offensivo al suo attacco, inserendo Livaja al posto di Raimondi: proprio l’attaccante ex inter, scaglia un tiro verso la porta gialloblù, trovando pronto, ancora una volta, Antonio Mirante. Al 23’ del secondo tempo Donadoni mette dentro l’ex di turno Schelotto, assieme a Marchionni. Da qui a pochi minuti, la partita cambia: sul cross di Cassani, il difensore francese Benalouane stoppa maldestramente con il petto il pallone, che finisce inesorabilmente alle spalle del povero Consigli. E’ un colpo durissimo per l’Atalanta, rinchiusa nella propria metà campo a subire i continui attacchi gialloblù. Parolo e Marchionni cercano la gloria dalla lunga distanza, ma Cassano sigla il tris al 32’, su calcio di punizione non irresistibile per Consigli. I nerazzurri non sono più in campo, ed in pieno recupero subiscono il quarto goal proprio dall’ex beniamino della tifoseria bergamasca Schelotto che non esulta dopo la marcatura.

OBIETTIVI OPPOSTI – E’ una vittoria importantissima per la squadra di Donadoni che si porta in piena zona Europa, grazie anche al posto liberato dalle due finaliste di coppa Italia. Per l’Atalanta è una sconfitta pesantissima, specialmente perché avvenuta in casa. Gli undici di Colantuono hanno dimostrato grosse falle in fase difensiva, mentre in attacco Denis non ha offerto grossi spunti. La salvezza resta un obiettivo ampiamente raggiungibile.

TABELLINO

Atalanta-Parma: 0-4

Atalanta (4-4-1-1): Consigli 5,5; Benalouane 4, Stendardo 5, Yepes 5, Brivio 5; Raimondi 5 (17′ st Livaja 6), Baselli 6 (29′ st Migliaccio 5), Carmona 5, Bonaventura 5,5; Moralez 5,5 (30′ st De Luca S.v.); Denis 5. A disposizione: Sportiello, Frezzolini, Lucchini, Nica, Scaloni, Cazzola, Bentancourt, Kone, Giorgi, Estigarribia. All.: Colantuono 5.

Parma (3-5-2): Mirante 7 IL MIGLIORE DI SPORTMAIN; Cassani 6,5, Paletta 6, Lucarelli 6; Biabiany 6,5, Acquah 6 (23′ st Marchionni 6), Gargano 6 (37′ st Munari S.v.), Parolo 6,5, Molinaro 6,5; Palladino 5,5 (23′ st Schelotto 6), Cassano 6,5. A disposizione: Bajza, Rossini, Gobbi, Galloppa, Cerri, Coric, Mauri, Amauri, Pozzi. All.: Donadoni 7.

Arbitro: Tommasi

Marcatori: 9′ Molinaro, 29′ st Benalouane, 32′ st Cassano, 47′ st Schelotto

Ammoniti: Benalouane (A); Acquah, Molinaro, Parolo (P)

Espulsi: –

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *