Sochi 2014: emozione Miller nel superG, nel cross snowboard decidono le cadute

A Sochi va in scena l’ultima gara di velocità dello sci alpino con il superG maschile, nello snowboard si disputa la gara di cross che crea non pochi problemi alle atlete.

MILLER RITROVATO – Nel superG maschile l’oro se lo aggiudica Kjetil Jansrud, il norvegese meno atteso per questo risultato, l’argento va al sorprendente americano Weibrecht e il bronzo a un redivivo Bode Miller in coabitazione con Hudec, è la seconda volta nello sci alpino in questi giochi che viene assegnata una medaglia ex aequo. L’immagine della giornata è un Bode Miller molto emozionato, che si lascia andare in lacrime con la moglie, per un risultato che premia il ritorno di questo grande sciatore dopo un grave infortunio: è stato lontano per un anno dalle gare di Coppa del Mondo. La delusione del giorno è Svindal, grande favorito per il successo finale con Miller, che chiude la sua partecipazione ai giochi senza vincere una medaglia da dominatore del circo bianco, comunque gara molto intensa con ben dieci atleti racchiusi in u secondo. Nella squadra azzurra esce subito dopo due porte Innerhofer mancando la possibilità di vincere la terza medaglia come ai mondiali di Garmisch, Fill chiude ottavo, Paris ed Hell sedicesimo e diciassettesimo.

SFORTUNA MOIOLI – Nello snowboard si disputa una delle gare più spettacolari con il cross che prevede molti ostacoli impervi da superare. Molte sono le cadute tra qualificazioni e fase finale fortunatamente senza particolari problemi nella maggior parte dei casi, ma che vedono andar fuori l’oro e l’argento di Vancouver 2010. Tra le nostre atlete ai quarti va fuori la Brutto, mentre in finale arriva la Moioli dopo una semifinale chiusa con un incredibile fotofinish a seguito di una caduta. L’azzurra chiude al sesto posto dopo un contatto quando sembrava poter vincere il bronzo; quindi la ceca Samkova festeggia l’oro, l’argento cade nelle mani di Maltais e il bronzo alla sorpresa Trespeuch, che approfitta delle difficoltà delle altre rivali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *