Volley, Serie A1 femminile: Piacenza e Modena continuano la corsa, sale Bergamo

Prosegue la corsa delle campionesse d’Italia di Piacenza nel massimo campionato di volley femminile. Le ragazze di Caprara hanno faticato un solo set, il primo conclusosi ai vantaggi, prima di avere la meglio in maniera piuttosto agevole di Casalmaggiore. Il sestetto di Alessandro Beltrami ha avuto in Valentina Zago la miglior marcatrice (18), ma ha dovuto fare a meno dell’ultimo acquisto della società, la campionessa italo-cubana Tai Aguero. Per le piacentine discreta prova per la centrale De Kruijf, primo attaccante della squadra con ben 28 palloni schiacciati e un’efficacia del 43% (12), non eccezionale Lucia Bosetti, incerta in ricezione e non straripante in attacco (11).

Tiene il passo Modena, che torna alla vittoria dopo il turno di riposo osservato la scorsa settimana. Per la formazione di Chiappafreddo vittoria facile facile contro il fanalino di coda Forlì: un 3 a 0 nel quale spicca la solita prestazione da MVP di Fabris, 21 punti con il 73% in attacco (!). Per le romagnole nessuna giocatrice sopra il 50% di attacco (ad eccezione di Lamprinidou che firma però solo 3 punti) e ricezione deficitaria: troppo poco per pensare di battere la corazzata modenese ed abbandonare l’ultima piazza della classifica.

Approfitta del turno di riposo occorso a Conegliano la Foppapedretti Bergamo, che supera per 3 a 1 Frosinone in trasferta e si porta in classifica ad una sola lunghezza di svantaggio dalle venete. Per le orobiche prestazione straripante per Valentina Diouf, che mette per terra 33 punti, firmando il proprio career high con un 56% in attacco impreziosito da 5 muri e un ace. Non bastano alle ciociare le prestazioni di Kidder e Angeloni, che provano a contenere Bergamo con 17 punti a testa ai quali vanno aggiunti i 14 di Simona Gioli.

Continua invece la marcia di Busto Arsizio, che con la vittoria interna su Ornavasso, la terza in fila, tiene due punti di vantaggio su Novara a -3 da Bergamo. Alle ragazze di Parisi bastano le prestazioni dei centrali Arrighetti e Michel (15 e 11) per superare le “Api” piemontesi, che hanno nella sola Muresan (11) una giocatrice capace di andare in doppia cifra. Giornata speciale per Giulia Pisani, al ritorno da avversaria in quel PalaYamamay che tanto l’ha osannata nelle ultime stagioni.

Tiene il passo anche Novara, che si sbrana la malcapitata Urbino con 17 punti di un’incontenibile Rosso (76%) e altrettanti portati in dote da Murphy, sempre più a suo agio nel sestetto di coach Pedullà. Dopo un’inizio di stagione disastroso ora Novara veleggia a quota 21 punti in classifica, a sole due lunghezze da Busto e con ben 6 punti vantaggio su Casalmaggiore, prima formazione del quintetto “di coda” e alla quale seguono Urbino, Ornavasso e le distaccatissime Frosinone e Forlì. Impressionante per le piemontesi l’impronta data alla squadra dal Prof. Pedullà: un tecnico vero (che non vive di soli video e scout), preparato, esigente, autorevole e, forse per questo, tenuto in scarsa considerazione dai quadri nazionali in ottica Ct.

SERIE A1 FEMMINILE, RISULTATI E CLASSIFICA:

Unendo Yamamay Busto Arsizio 3-0 25 25 25
Openjobmetis Ornavasso 22 21 17
Pomì Casalmaggiore 0-3 25 22 18
Rebecchi Nordmeccanica Piacenza 27 25 25
Ihf Volley Frosinone 1-3 18 21 25 16
Foppapedretti Bergamo 25 25 23 25
Igor Gorgonzola Volley Novara 3-0 25 25 25
Robur Tiboni Urbino 17 20 12
Liu Jo Modena 3-0 25 25 25
Banca Di Forlì 15 20 18
Riposa:  Imoco Volley Conegliano 
  Classifica
Fino alla 3ª Giornata (Ritorno) Punti Tipo di Risultato Partite
3·0 3·1 3·2 2·3 1·3 0·3 V P
Rebecchi Nordmeccanica Piacenza 33 7 4 0 0 1 1 11 2
Liu Jo Modena 28 6 2 2 0 0 2 10 2
Imoco Volley Conegliano 27 6 3 0 0 2 1 9 3
Foppapedretti Bergamo 26 4 4 0 2 1 2 8 5
Unendo Yamamay Busto Arsizio 23 6 0 2 1 1 3 8 5
Igor Gorgonzola Volley Novara 21 5 1 1 1 1 4 7 6
Pomì Casalmaggiore 15 1 3 1 1 1 6 5 8
Robur Tiboni Urbino 14 4 0 1 0 3 4 5 7
Openjobmetis Ornavasso 13 3 0 1 2 2 5 4 9
Ihf Volley Frosinone 6 2 0 0 0 5 6 2 11
Banca Di Forlì 4 0 1 0 1 1 10 1 12

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *