Juventus: l’Europa League può condizionare il campionato?

La Roma non molla la rincorsa – In questi giorni l’allenatore romanista Garcia ha insistito su un punto: la Roma crede alla rimonta perché non gioca le coppe, invece i bianconeri, concorrendo su due fronti, disperdono energie e probabilmente perderanno lucidità alla lunga. In effetti l’Europa League è una competizione stancante, anche perché le trasferte possono essere davvero lontane. La Juventus ha intenzione di onorare la competizione e, quindi, avrà un marzo e un aprile colmi di appuntamenti. Per questo motivo le prestazioni in serie A si riveleranno sempre più complicate e la partita col Torino ha mostrato un certo appannamento. Quindi è chiaro che l’Europa League può condizionare il campionato.

La panchina farà la differenza – Il gran numero di partite che presumibilmente la Juventus giocherà fino a maggio impone un turnover e, dunque, l’apporto della panchina sarà decisivo. Le riserve faranno la differenza nel bene e nel male, ma se i panchinari si chiamano Marchisio o Osvaldo i tifosi possono dormire sogni tranquilli. Al netto della scaramanzia, sulla carta la rosa dei bianconeri è la più forte del campionato e tra le migliori dell’Europa League. Dunque Conte e i suoi uomini non hanno alibi, i grandi club sono chiamati a giocare ogni tre giorni e il fallimento in una delle due competizioni sarebbe molto indigesto, non giustificabile dicendo che si è stanchi e non ci sono tempi di recupero.

Mamma li turchi – Memori dell’esperienza in Champions col Galatasaray, la Juventus non deve concedersi distrazioni coi turchi del Trabzonspor, battuti a Torino due a zero. Certo che un po’ di turnover sarà necessario, in particolare Tevez, Llorente e Vidal sembrano stremati. Ma non va fatta la rivoluzione come in Coppa Italia, perché il rispetto e il prestigio si conquistano soprattutto in Europa e non solo nel giardinetto della serie A. Conte ha il compito di gestire il gruppo anche a livello di energie fisiche, in modo che Garcia fallisca nella sua rimonta scudetto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *