Parma-Fiorentina, le pagelle dei viola

Neto 6 – Incolpevole sui due gol, di cui uno dal dischetto, mostra attenzione nelle uscite e sui tiri dalla distanza. ASSOLTO

Diakite’ 4,5 – Più che la vittoria il suo obiettivo numero uno è Antonio Cassano. Lo falcia al 26′ del primo tempo e al 9′ della ripresa: un doppio giallo che gli costa una doccia anticipata. IRRUENTO

G. Rodriguez 5 – Ha ancora sulla coscienza il gol del vantaggio parmense: Amauri lo fa fuori in un fazzoletto servendo a Cassano la rete del vantaggio per i padroni di casa. Di certo l’unica sbavatura ma altrettanto decisiva. RAGGIRATO

Savic 6 – Prestazione in crescendo del centrale montenegrino. Uno dei punti fermi della squadra di Montella. CERTEZZA

Tomovic 5,5 – Diligente in buona parte del match, macchia la sua prestazione commettendo un fallo da rigore su Biabiany. SFORTUNATO

Aquilani 6 – Partita di ordinaria amministrazione con qualche tiro da fuori. Meglio nel primo tempo mentre svanisce nella ripresa con Montella che lo rimpiazza con Mati nell’ultimo quarto d’ora. IMPAVIDO (Dal 78′ Mati Fernandez 7 – Sette in pagella come sette i minuti che gli bastano per timbrare il match con un gol da favola: punizione magistrale che si insacca all’incrocio dei pali mandando in visibilio la curva fiorentina. Da inserire nella classifica dei dieci gol più belli della stagione in corso. LETALE)

Pizarro 6,5 – L’antitesi per eccellenza del Torrado messicano con la notevole differenza che fugge come un treno da nord a sud. Velocizza, imposta e quando vede lo spiraglio tira. METRONOMO

Borja Valero 6 – Nonostante l’espulsione finale la sufficienza è più che meritata. Il 99% delle azioni viola provengono dai suoi piedi fatati. Fa notizia quando a metà del primo tempo sbaglia clamorosamente un passaggio facile per il compagno. E.T. RITORNA SULLA TERRA

Joaquin 6 – Perde il confronto sulla destra con Molinaro, Montella se ne accorge e lo sposta sulla sinistra. Fa del bene quando per vie centrali velocizza un’azione corale in contropiede finalizzata poi da Cuadrado. RIESUMATO (Dal 59′ Mario Gomez 5 – Subentrato a una mezzora dal termine, fatica ad entrare in partita, complice le ottime chiusure dei difensori parmensi. Il SuperMario tedesco, dopo aver superato il Mondo dei Funghi e il Mondo degli Infortuni, proverà a dare il suo apporto alla causa viola sia in campionato che in Europa League con la speranza che ritorni il Mario Gomez in formato Bundesliga. TI ASPETTIAMO)

Matri 6 – I difensori avversari non lo fanno tirare quasi mai. Lui si adegua con sportellate e gioco sporco. Sale in cattedra quando al 41′ serve a Cuadrado la palla facile per il pareggio. REDDITIZIO (Dal 22′ ILICIC 4,5 – Completamente assente nel gioco. Non ubbidisce agli ordini di mister Montella gigioneggiando qua e là a ridosso dal centrocampo. SPAESATO)

Cuadrado 7,5 – Un autentico fuoriclasse. E’ il giocatore che in serie A ha realizzato più dribbling di tutti. Sempre nel vivo dell’azione viola con rasoiate e sassate da fuori. Trova anche la gioia del gol finalizzando a porta sguarnita a coronamento di un’azione corale con passaggi di prima stile Barça. La sua Colombia sarà anche grazie a lui la mina vagante del Mondiale in Brasile. PIROETTA

Montella 7 – Per quest’anno dovrà continuare su questa riga: fare di necessità virtù. Nonostante gli infortuni all-time patiti in questa stagione riesce a imprimere alla sua squadra la personalità che molte squadre invidiano. Riesce a pareggiare nonostante sia sotto nel punteggio e sotto di un uomo gettando nella mischia a pochi minuti dal termine Mati Fernandez. Il cileno ringrazia e ricambia il favore con una prodezza balistica da punizione. Per la serie: la fortuna aiuta gli audaci. PREMIATO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *