Fiorentina, qualificazione facile con l’Esbjerg: agli ottavi la Juve

FIRENZE- Nella serata in cui tutta Firenze difende il suo simbolo Borja Valero dopo le quattro giornate di squalifica in campionato, la Fiorentina, forte del 3-1 maturato nella partita d’andata, sbriga la pratica Esbjerg pareggiando per 1-1 il ritorno (reti di Ilicic e Vestergaard). E adesso, agli Ottavi di Europa League, la super sfida con la Juventus.

La novità più attesa è il ritorno da titolare di Mario Gomez. Assieme a lui si rivede anche Ambrosini, in porta va Rosati. Montella conferma il 4-3-3, in attacco chance da titolare per Matos e Ilicic. L’accoglienza per Borja Valero è da star, un po’ meno quella per Nicchi e Braschi, i principali responsabili secondo il popolo viola dei torti arbitrali subiti dalla squadra. L’Esbjerg (con in regia l’ex livornese Bergvold) prova a mettere pressione alla Fiorentina nelle prime battute di gioco, di occasioni però neanche l’ombra. La partita scorre via senza sussulti, la Fiorentina non ha interesse ad alzare il ritmo e gestisce il possesso palla senza accelerare. Gli occhi di tutti sono su Mario Gomez: il tedesco arranca, si sbatte ma appare ancora molto lontano dalla condizione migliore. La prima occasione capita allora al tedesco sbagliato, Compper, che svetta di testa su angolo di Ilicic, pallone fuori di poco. Al 37′ Borja Valero illumina il Franchi con una giocata sopraffina per Matos, il destro del brasiliano costringe Dubravka alla parata a terra.

ILICIC-GOL – Pronti via e nella ripresa la Fiorentina sblocca subito la partita. Punizione perfetta di Ilicic che scavalca la barriera e s’insacca nell’angolo alto. Borja Valero continua a regalare sprazzi di classe ma l’Esbjerg va vicino al pareggio al 53′ con Vestergaard che approfitta di un’ingenuità di Compper ma trova sulla sua strada Rosati. Montella risparmia minuti a Gonzalo e Ambrosini (dentro Tomovic e Bakic), Pasqual sfiora il raddoppio con un gran sinistro al volo e nel finale arriva il pareggio dell’Esbjerg con una gran bella giocata di Vestergaard che salta secco l’impacciato Compper e trafigge Rosati. Bakic sfiora il 2-1 all’ultimo tuffo ma non c’è più tempo. La testa è già alla Juve: sarà una doppia sfida d’altri tempi, con i tifosi viola che sognano la vendetta dopo la sconfitta nella finale Uefa del 1990.

 

IL TABELLINO

FIORENTINA (4-3-3): Rosati, Roncaglia, Gonzalo (14′ st Tomovic), Compper, Pasqual (33′ st Vargas); Ambrosini (20′ st Bakic), Pizarro, Borja Valero; Ilicic, Gomez, Matos. All.: Vincenzo Montella.

ESBJERG (4-2-3-1): Dubravka, Laursen, Drobo Ampen, Lucena, Knudsen; Bergvold, Andersen (23′ st Lekven); Rasmussen (42′  pt Vestergaard), Pusic (11′ st Ankersen), Nielsen; Van Buren. All.: Frediksen.

RETI: 2′ st Ilicic, 46′ st Vestergaard.

NOTE: Ammonito Knudsen. Angoli 7-3. Recupero 1’+3′.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *