Troppo Destro per il Cagliari: tripletta e la Roma continua a sognare

Cagliari – Tre gol di Destro segnano la sconfitta del Cagliari, troppo arrendevole e rinunciatario. L’attaccante giallorosso arriva così a 13 gol in stagione e lancia un chiaro messaggio a Prandelli in vista dei Mondiali. Lopez deve ripartire dal rigore di Pinilla per ridare fiducia e sicurezza alla sua squadra, ora a +7 sul Livorno terz’ultimo.

LE FORMAZIONI – Lopez deve rinuciare allo squalificato Rossettini e dà spazio all’esordiente Oikonomou, in coppia con Astori al centro della difesa. Estro e fantasia affidati a Cossu alle spalle di Pinilla e Nenè. Ekdal completa il trio di centrocampo. Tra le file della Roma, l’unica novità è l’assenza di Totti in favore di Florenzi che con Destro e Gervinho compone il trio d’attacco. L’ex Nainggolan titolare con De Rossi e Pjanic, mentre sulla fascia sinistra Romagnoli vince il ballottaggio con Torosidis.

PRIMO DESTRO – Un Sant’Elia tutto esaurito è il segnale più evidente della vicinanza tra tifoseria e squadra, ancora coinvolta nella lotta per non retrocedere. I rossoblù iniziano subito forte, con Cossu e Pinilla che cercano di impensierire De Sanctis. Al 7′ Dessena crossa dalla destra ma il cileno non riesce a schiacchiare verso la porta romanista. In difesa, gli occhi di Lopez sono puntati su Oikonomou, assoluto debuttante che deve vedersela con un attacco giallorosso tutt’altro che tranquillo. Maicon ci prova dalla distanza, Gervinho non riesce a sfondare. Nenè invece sfiora l’incrocio dei pali su punizione concessa per fallo su Avelar. Ma al 32′ inizia il Destro-show: contropiede fulminante della Roma, con l’attaccante che scambia con Gervinho e batte Avramov da due passi. Astori si becca l’ammonizione per proteste, Destro per simulazione e, diffidato, salterà la prossima sfida. Castan si salva con la “spalla”, mentre Conti si vede respinta la punizione sul finale di tempo.

MARCHIO DI FABBRICA – Garcia inserisce Torosidis per Romagnoli ad inizio ripresa e poco dopo Eriksson rileva l’infortunato Ekdal tra le file rossoblù. La trama della partita non sembra cambiar copione e la Roma va a segno nuovamente su contropiede: Destro, servito d’esterno da Nainggolan, s’invola verso Avramov e realizza la sua personale doppietta. Nemmeno la deviazione di Astori è riuscita a fermare il numero 22 giallorosso. Lopez gioca le carte Ibarbo per Nenè e Ibraimi per Cossu. Il Cagliari sembra alzare bandiera bianca, la Roma si limita a gestire il doppio vantaggio.

BOMBER DI RAZZADestro non ha nessuna intenzione di fermarsi e al 74′ realizza il terzo gol: Gervinho porta palla centralmente servendo Florenzi, cross rasoterra, il bomber giallorosso anticipa Avelar e mette a segno il 13° gol stagionale su 18 partite disputate. Il Cagliari trova solo la forza di segnare il gol della bandiera su rigore: Benatia stende Pinilla in are a e guadagna il penalty. Il cileno batte De Sanctis e negli istanti finali sforna un destro a giro che lambisce il palo.
Nel segno di Destro, la Roma porta a casa una preziosa vittoria che la proietta a -5 dalla Juve e a +12 sul Napoli, impegnate rispettivamente contro Livorno e Parma. Il Cagliari approfitta del k.o. del Chievo e si mantiene a +5 dai veneti. Domenica prossima arriva il Sassuolo, galvanizzato dalla vittoria esterna contro l’Atalanta, futura avversaria,invece, della vice capolista.

IL TABELLINO
CAGLIARI – ROMA 1-3 (0-1 p.t.)

Cagliari (4-3-1-2): Avramov; Pisano, Oikonomou, Astori, Avelar; Dessena, Conti, Ekdal (50′ Eriksson); Cossu (69′ Ibraimi); Pinilla, Nené (61′ Ibarbo). A disp.: Silvestri, Murru, Perico,Del Fabro, Eriksson, Cabrera, Ibraimi, Tabanelli, Ibarbo, Sau. All. Lopez.

Roma (4-3-3): De Sanctis; Maicon, Benatia, Castan, Romagnoli (46′ Torosidis); Pjanic (73′ Taddei), De Rossi, Nainggolan (83′ Bastos); Florenzi, Destro, Gervinho. A disp.: Skorupski, Lobont, Toloi, Dodò, Torosidis, Bastos, Taddei, Ricci, Totti, Ljajic. All. Garcia.

Arbitro: Massa

Marcatori: 32′ Destro, 56′ Destro, 72′ Destro, 89′ Pinilla (rig.).

Ammoniti: Astori, Pjanic, Romagnoli, Destro, Florenzi (R)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *