Formula 1: Hamilton e Rosberg fanno doppietta anche in Cina, Alonso fantastico terzo

 

SHANGHAI – Hamilton vince. Anzi, stravince. Non per il distacco inflitto agli avversari, o per la pole position, o per altri dati statistici poco rilevanti; Lewis ha stravinto perché ora è finalmente completo. Il pilota irruento, pericoloso ed inaffidabile è ormai un lontano ricordo: oggi Lewis calcola, gestisce gomme e carburante in modo impeccabile, mantenendo uno standard prestazionale elevatissimo. E per Rosberg, inferiore, anche se di poco, all’inglese per talento puro e schietto, sembra non esserci più niente da fare: il figlio d’arte è partito quasi all’indietro, facendosi sfilare da parecchie vetture e compromettendo definitivamente i già magri sogni di gloria. Alla fine il tedesco riuscirà a rimontare fino alla piazza d’onore, anche se, con questa Mercedes, non poteva andare diversamente. Alonso coglie un podio tanto bello quanto insperato: con uno scatto felino al semaforo verde, condito dal brivido di un contatto con Massa, il ferrarista si è insediato fin da subito in terza posizione, difendendosi dalle Red Bull con un passo straordinario e conducendo con grande autorevolezza la vettura sul gradino più basso del podio. Un risultato che è una vera e propria medicina per il traballante ambiente Ferrari e, sopratttutto, prova quanto Fernando rifiuti di mollare la presa su una stagione che, nonostante lo stapotere delle Frecce d’Argento, è appena cominciata. Ricciardo, quarto, trionfa ancora nell’ormai sanguinossisima sfida interna con Vettel, quinto, rifilandogli un distacco di oltre venti secondi e un sorpasso da manuale; per il quadricampione sembra davvero essersi rotto l’incantesimo, soprattutto a livello psicologico.

Hulkenberg e Bottas, ormai maestri del buon piazzamento, precedono Raikkonen, ottavo, sempre più in difficoltà nell’adattarsi a questa vettura. Perez e Kvyat chiudono la Top Ten, fuori dai punti le McLaren e lo sfortunato Massa, vittima di un pit-stop fra il sommario e il grottesco, costato al brasiliano più di un minuto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *