Atalanta tra lo sfumato sogno europeo e la squadra che verrà

Bergamo – clima non semplice quello che si respira a Zingonia, sia per il caso Livaja sia per le considerazioni di fine campionato.

Posizione tranquilla – è quella in cui si trova la squadra di Colantuono in questo momento, con 46 punti in classifica e una salvezza raggiunta un mese or sono. Ma può bastare o bisogna puntare più in alto? è questo quello che si chiedono dirigenza e soprattutto tifosi, perchè l’ Atalanta delle ultime due uscite casalinghe (che ha perso contro Sassuolo e Verona) non è certo quella da cui ripartire. Il gioco espresso è sempre positivo ma si nota lo spirito poco “battagliero” delle ultime giornate, dato da una salvezza già in cassaforte e un’ europa forse troppo lontana. Vedremo se Colantuono riuscirà ad infondere altre motivazioni ai giocatori, in campo domenica sera contro il Genoa, e se gli importanti rientri di Brivio e Stendardo in difesa e De Luca davanti, possano dare la scossa necessaria.

Gente che va, gente che resta – intanto a Bergamo si pensa già alla prossima stagione. Se per Baselli e Bonaventura si prospetta un’ asta, si cerca di capire chi saranno i confermati della prossima stagione. I sicuri partenti saranno Livaja (che la società ha deciso di cedere per le dichiarazioni del giocatore nel post di Verona), Brienza e Canini. Riconfermato il Tanque Denis davanti, con Cigarini e Stendardo a formare l’ asse atalantino che verrà, insieme ai positivi Benalouane, Estigarribia e Raimondi. Rimangono in forse per il futuro Moralez e Consigli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *