Reti inviolate al Meazza: Inter e Napoli non si fanno male

MILANO – Tu non fai male a me ed io non ne faccio a te. Sembrava un po’ questa l’atmosfera di Inter-Napoli questa sera al Meazza. Non che non ci siano state occasioni per sbloccare il punteggio. Non che le due squadre non abbiano anche provato a pungere. Ma alla fine la sensazione data era quella di non provarci davvero.

UN TEMPO PER PARTE – In tutto questo dubbioso buonismo la partita ha visto sicuramente un’Inter più padrona del campo, più volitiva, ovviamente nei limiti. Qualche buona opportunità non sfruttata a dovere. Da sottolineare la prestazione, e qui scatta la domanda un po’ mouriniana “perché?” riferita alle troppe panchine, di Kovacic che ha dato una nuova vita al centrocampo nerazzurro. Dalla sua il Napoli si è difeso, ha provato a colpire con Higuain e soprattutto con Callejon.

Nella ripresa la situazione si ribalta, gli azzurri si prendono sulle spalle il gioco e gli uomini di Mazzarri (ora sulla panchina dell’Inter, giusto per ricordarlo) si difendono, provano a colpire ma senza grandi sforzi. Alla fine il vero protagonista è il palo alla sinistra di Handanovic che salva i padroni di casa dalla sconfitta.

RISULTATO GIUSTO E POI? – Rimane un pareggio che va bene ad entrambe e che alla fine pare giusto. Il Napoli continua la sua corsa verso la fine della stagione, l’Inter tiene a distanza le dirette avversarie, con il Milan prossimo avversario che rimane a dovuta distanza. Quindi ora, in attesa degli altri risultati, si pensa già al futuro. I nerazzurri vedono il derby. Una partita che tutti sanno essere diversa dal resto del campionato. La squadra di Benitez ha invece la finale di Coppa Italia (o Tim Cup che dir si voglia) contro la Fiorentina. Da accertare le condizioni di Higuain che nella ripresa è stato costretto a lasciare il campo in barella.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *