Un mercato al di sotto delle aspettative: un Napoli da scudetto?

NAPOLI – La sessione estiva di calciomercato è tramontata e non ha visto l’arrivo del pezzo da 90 che, Benitez aveva promesso, e che l’intera Napoli del calcio si aspettava, per cercare di ridurre il gap da Juve e Roma e competere quindi per la lotta al tricolore. Un mercato deludente. Lo scorso anno l’ambiente napoletano era in estasi per gli arrivi di Higuain su tutti, ma anche dei vari Reina, Callejon, Mertens, Jorginho (a gennaio). La disfatta col Bilbao, la non convincente vittoria ottenuta contro il Genoa, lasciano Napoli con molti dubbi: questa rosa è da scudetto?

LE TANTE SUGGESTIONI RIMASTE TALI – “Faremo un paio di acquisti al top”. Queste le parole di Rafa Benitez nel corso di una conferenza che ha inaugurato la nuova stagione dei partenopei. Tutto a testimoniare il fatto che anche l’allenatore spagnolo, oltre che i tifosi, si aspettava almeno un colpo importante, magari un centrocampista di rilievo, un centrocampista di sostanza, che avrebbe portato maggior solidità alla metà campo azzurra. Così non è stato. Con ogni probabilità, la priorità di Bigon e della società non era l’acquistone dell’estate, bensì quella di tenere i conti in attivo. Per questo si doveva prima vendere e poi cercare di piazzare dei colpi in entrata. Gonalons, Fellaini, Lucas Leiva, perfino Mario Suarez, Javi Martinez, Xabi Alonso, nomi che l’entourage napoletano ha citato, e magari trattato, senza riuscire a concretizzare l’affare. Un Napoli che non sembra uscire rinforzato da questo mercato in uscita. Detto questo, ci si affida alla fame di Gonzalo Higuain, in attesa di Gennaio…

higuain-napoli-735x490

SI PUO’ FARE DI PIU'” – Se non fosse stato per il gol di De Guzman (gol allo scadere che ha consegnato i tre punti ai partenopei nella trasferta di Genova) staremmo qui a parlare, oltre che di un Napoli deludente sul fronte mercato, anche di una squadra senza cuore. Invece no. La cosa che più è piaciuta a Marassi, forse l’unica, è stata proprio la compattezza e lo spirito di gruppo che la formazione di Benitez ha dimostrato. Inevitabilmente, dopo il crollo del San Mames, se ne son sentite di tutti i colori: spogliatoio diviso, di un’unione smarrita e chi ne ha più ne metta. Sul campo invece gli azzurri hanno, seppur a sprazzi, dimostrato il contrario, andando ad agguantare una vittoria insperata. Di certo non possiamo ammettere di aver assistito ad un Napoli eccellente, in quanto i grifoni di Gasperini hanno per lungo e largo dominato la partita. Poi però è venuto fuori il cuore, la grinta, lo stesso cuore e la stessa grinta che nella scorsa stagione hanno contraddistinto questa squadra. Ma delle volte, spesso, cuore e grinta non sono sufficienti. Benitez lo sa: lavori in corso!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *