Valzer del gol al Friuli: l’Udinese si impone sul Parma (4-2)

Stramaccioni Udinese

UDINE – Nel primo posticipo della quinta giornata di serie A, i bianconeri di Andrea Stramaccioni archiviano la pratica Parma e colgono il quarto successo, il terzo consecutivo, in campionato. All’iniziale vantaggio degli emiliani, firmato Jose Mauri, replica Totò Di Natale, autore di una doppietta (la seconda in questo campionato, dopo quella realizzata contro l’Empoli). Cassano pareggia su rigore allo scadere della prima frazione. Nella ripresa i gol di Herteaux prima e Thereau dopo riconsegnano il terzo posto solitario ai Friulani. Per la corsa all’Europa che conta c’è anche l’Udinese: avversarie avvisate!

BUON DIVERTIMENTO – Stramaccioni conferma il 4-4-2 che aveva ben figurato all’Olimpico contro la Lazio. Stesso modulo, ma cambiano alcuni interpreti: fuori Muriel (non al meglio) dentro Di Natale che fa coppia con il confermato Thereau. Dall’altra parte Donadoni si affida al duo Coda-Cassano. Partita spenta per i primi quindici minuti, poi tanti gol e tanto spettacolo. Apre le danze Cassano: il barese innesca Jose Mauri, dimenticato dalla difesa bianconera, che batte Karnezis (schierato ancora al posto dell’infortunato Scuffet) e fa uno a zero. Il vantaggio gialloblu dura appena cinque minuti, dopo di che sale in cattedra l’immenso Di Natale. La difesa emiliana è disattenta, Badu ne approfitta e di testa serve Totò che in solitaria firma un gran gol e pareggia i conti. Gli uomini di mister Strama lavorano bene in tutto il campo, Karnezis compreso, e sfrutta le ripartenze per punire. Un po quel che accade al 45′: Widmer si invola, supera Gobbi e mette al centro, velo di Thereau che trova l’onnipresente Di Natale ed è raddoppio. Ma non finisce qui! Mauri è scatenato, affonda in aria di rigore e viene travolto da Widmer, Calvarese non ha dubbi, rigore: cucchiaio di Cassano e Karnezis battuto. Spettacolo al Friuli.

di natale

E LO SPETTACOLO PROSEGUE – Fuori l’acciaccato Mendes, Donadoni inserisce Santacroce, ma al rientro in campo è l’Udinese a partire meglio. Tanto per cambiare a rendersi protagonista è Di Natale che con un numero di alta classe serve Kone, ma l’ex Bologna trova la pronta risposta di Mirante. I bianconeri insistono e al 13′ trovano il nuovo vantaggio grazie ad una splendida rovesciata messa a segno da Heurtaux. Gol fantascientifico del difensore. Gli emiliani perdono il bandolo della matassa.Donadoni prova a scuotere i suoi dando spazio a Belfodil al posto di De Ceglie (sottotono la prestazione dell’ex giocatore della Juventus). Dentro anche Galloppa, ma i maggiori pericoli passano sempre dai numeri di “fantantonio”. Ma la troupe di Stramaccioni si chiude bene, grazie anche alle mosse del tecnico stesso che butta dentro il recuperato Domizzi per dar man forte alla linea difensiva. Nel finale dentro Muriel: il Friuli si inchina e applaude, come di consueto, Di Natale. Il colombiano è subito protagonista, svaria in fase offensiva e manda in confusione la difesa avversaria. A pagarne le conseguenze è Acquah che rimedia il cartellino rosso nel tentativo di bloccare le avanzate del centravanti bianconero. Ma non solo. Pochi minuti dopo uno svarione di Lucarelli innesca Thereau che punisce Mirante e mette in cassaforte i tre punti. Sorridono i friulani e sorride anche Stramaccioni: come dargli torto?

TABELLINO

Udinese – Parma 4 – 2

UDINESE (4-4-2): Karnezis 6; Widmer 7, Heurtaux 7, Danilo 6, Piris 6; Badu 7, Allan 7,5, Guilherme 5 (87′ Pasquale sv), Kone 6 (66′ Domizzi 6); Thereau 7, Di Natale 8 (71′ Muriel 6,5).

PARMA (4-3-3): Mirante 5,5; Mendes 5 (46′ Santacroce 6), Lucarelli 4, Felipe 5, Gobbi 5; Acquah 5, Jorquera 6 (65′ Galloppa 6), Mauri 7; M.Coda 6, Cassano 7, De Ceglie 5 (61′ Belfodil).

MIGLIORE SPORTMAIN: Di Natale 8: seconda doppietta stagionale. Sono quattro in gol in cinque partite. Ribadiamo, bei numeri per uno che lo scorso maggio voleva smettere. HIGHLANDER!

MARCATORI: 22′ Mauri (P), 28′, 45′ Di Natale (U), 45’+4 Cassano (P), 58′ Heurtaux (U), 84′ Thereau (U).

AMMONITI: Acquah (P), Kone (U), Widmer (U)

ESPULSI: Acquah (P)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *