Toro – Atalanta finisce 0 a 0, Colantuono riparte così

torino_udinese_19_28423_immagine_ts673_400

 

Torino – Termina 0 a 0 il match tra Torino e Atalanta. I ragazzi di Colantuono portano a termine la missione prefissata di un pareggio più utile che bello, arroccandosi in difesa fin dai primi minuti e aspettando un Torino che non riesce a sbrogliare il bandolo della matassa.

 

Primo tempo – I primi 45′ al Comunale sono tutt’altro che brillanti, il tatticismo del metodico 3-5-2 praticato da entrambe le squadre fa il suo, a discapito dello spettacolo. Poi ci si mette anche l’Atalanta: abbassa le corsie sotto il nome del difensivismo più estremo e lascia il gioco nelle mani di un timido Torino. Poche emozioni quindi. Ci sono solo due brividi che scuotono il tepore delle tifoserie: al 28′, Moretti avvitandosi impatta di testa su calcio d’angolo, con il pallone che finisce poco fuori dallo specchio di Sportiello; poi al 40′, il Tanque Denis mette un pallone in mezzo all’area dalla corsia di sinistra, trova Stendardo che colpisce di testa e costringe Gillet al salvataggio.

 

La ripresa – Il secondo tempo acquista più dinamicità già dai primi minuti e le squadre si aprono, ma la sostanza non cambia.
Il Torino muove la sua manovra offensiva sulle vie centrali, mettendo molte volte in difficoltà la difesa atalantina che, come nel primo tempo, aspetta gli avversari con un 5-3-2 di contenimento. Il Toro ha idee, ma poca forza per esprimerle: il possesso palla è quasi tutto granata, ma si rivela sterile e inefficace. Quagliarella soffre l’altà densità difensiva degli avversari e non è mai realmente pericoloso (merito anche di un buon Stendardo).
Ventura prova il colpaccio e inserisce prima Fernerud, poi sul finale Amauri, ma non si rivelano mosse vincenti, poichè l’ Atalanta è brava ad aspettare e a non farsi cogliere impreparata.
Il Toro ci prova comunque fino all’ultimo collezionando una serie di occasioni: al 57′ El Kaddouri si rende pericoloso con un tiro finito poco lontano dal palo, poi ancora Darmian al 65′. Al 69′ Amauri in rovesciata mette un pallone in mezzo all’area, dove trova Quagliarella che serve Jansonn, lo svedese non riesce a concludere in rete grazie ad un salvataggio del provvidenziale Sportiello. E’ sempre il portiere atalantino a dire no ad una punizione al bacio di Fernerud sul finale, salvando il risultato e portando a casa un punto sofferto, ma fortemente voluto.

 

 

TORINO – ATALANTA: 0-0

 
Arbitro – Cervellera.

Torino (3-5-2): Gillet(6), Maksimovic(6), Jansson(6), Moretti(6,5); Peres(7), Vives(5,5 – Al 50′ Fernerud s.v.), Gazzi(5,5), El Kaddouri(6), Darmian(6,5); Martinez(6 – Al 59′ Amauri s.v.), Quagliarella(6).
A disposizione: Castellazzi, Padelli, Perez, Farnerud, Larrondo, Silva, Amauri, Nocerino, Sanchez Miño, Masiello, Benassi.
Allenatore: Giampiero Ventura.

Atalanta (3-5-2): Sportiello(6,5); Cherubin(5,5), Stendardo(6,5), Biava(5,5); Zappacosta(6 – al 80′ Raimondi s.v.), Migliaccio(6), Baselli(6), Carmona(6), Dramé(6); Denis(6,5 – Al 71′ Bianchi s.v.), Boakye(5,5).
A disposizione: Frezzolini, Del Grosso, Scaloni, Bellini, D’Alessandro, Bianchi, Moralez, Spinazzola, Molina, Raimondi, Grassi.
Allenatore: Stefano Colantuono.

 
MIGLIORE IN CAMPO SPORTMAIN: Peres 7 – Trovatelo nel nostro campionato uno che corre come lui. Sul finale chiude due contropiedi da ultimo uomo attuando delle diagonali difensive da manuale. Chapeau.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *