Liga, 17^turno: storico KO contemporaneo per Real e Barcellona. L’Atletico vince e torna in corsa per il titolo, vittorie preziose per Almeria e Rayo

La caduta degli dei. Nel 17^ turno di Liga spagnola si è assistito ad un raro quanto incredibile doppio KO per le regine del calcio iberico, ovvero Real e Barcellona. Che una delle due squadre perda è già di suo un evento raro, che perdano nello stesso turno ha davvero dell’incredibile. Esulta il cholo Simeone che si ritrova a -1 dalla vetta (anche se il Real deve recuperare un match) e a pari punti col Barcellona (e la prossima giornata ci sarà proprio lo scontro diretto). Continuano a macinare punti il Siviglia e l’Eibar, mentre Rayo e Almeria colgono due vittorie esterne preziosissime.

Le grandi – Dopo 22 vittorie consecutive (contando tutte le competizioni), il Real Madrid di Carletto Ancelotti è caduto al Mestalla. Contro la squadra allenata da Espirito Santo, i blancos sono irriconoscibili e, nonostante il vantaggio iniziale firmato da Ronaldo su rigore, subiscono per quasi tutto il match l’iniziativa degli xotos. Prima Barragan, con deviazione decisiva di Pepe, e poi Otamendi (difensore argentino in grande ascesa) firmano il successo per il Valencia che si conferma quarta forza del campionato e sempre più prossima ad insidiare il terzetto di testa. Per il Real sfuma la possibilità di superare il record di 24 vittorie consecutive detenuto dal Coritiba. Il Valencia, invece, continua il suo processo di crescita: un ottimo allenatore che ha dato alla squadra equilibrio e gioco spumeggiante, una dirigenza in grado di fare grandi investimenti (ultimo arrivo quello di Perez dal Benfica) e un parco giocatori di qualità e con una età media bassissima. Non tutti i mali vengono per nuocere: poco dopo arriva la sconfitta del Barcellona a San Sebastian che permette agli uomini di Ancelotti di mantenere la testa della classifica nonostante abbia anche un match da recuperare (contro il Siviglia). La squadra di Luis Enrique è crollata contro la Sociedad di Moyes dopo un match indecifrabile, soprattutto per le scelte dell’allenatore blaugrana. Messi, Neymar, Rakitic, Piquè e Alves in panchina, gol alla prima azione dei padroni di casa grazie all’autogol di Alba ed incredibile sterilità offensiva degli ospiti (l’ottimo Rulli impegnato solo un paio di volte) anche dopo l’ingresso in campo delle stelle sudamericane. Il Barça incappa in un KO meritatissimo, dopo il quale si sono incrinati i rapporti tra Messi e Luis Enrique e tra la dirigenza e Zubizarreta. La squadra di Moyes, dal canto suo, stabilisce un record che difficilmente sarà battibile: 3 vittorie contro le 3 grandi di Spagna. Nelle restanti 14, la Real Sociedad ha vinto una sola partita: misteri del calcio. Ne approfitta l’Atletico del cholo Simeone che, nella partita giocatasi nel pomeriggio di Sabato 3, ha regolato per 3-1 il Levante: Griezmann si conferma in grandissima forma mettendo a segno una doppietta, Godin dimostra ancora una volta di essere uno dei migliori al mondo nello stacco aereo mettendo a segno il gol del 3-1 che ha chiuso il match. Ed ora i colchoneros aspettano l’esordio del loro figliol prodigo, Fernando Torres. Alla presentazione erano in 45000: adesso tocca all’ex milanista tornare il vero niño, che qui a Madrid hanno adorato nei primi anni della sua carriera. Il Siviglia continua la sua serie di risultati utili, battendo 1-0 il Celta (in grande crisi) con la rete di Pareja. Però gli andalusi hanno faticato molto, uscendo dal campo tra i fischi dei propri tifosi nonostante la vittoria che permette loro di portarsi al quinto posto a -1 dalla zona champions (e -6 dal Real).

Rulli, portiere della Real Sociedad
Rulli, portiere della Real Sociedad

Le altre – Steccano Malaga e Villarreal: i bokeron perdono a sorpresa contro l’Almeria (doppietta di Hemed), che ottiene così la seconda vittoria consecutiva dopo il cambio di allenatore. I submarinos amarillos, dal canto loro, sprecano una grossa chance facendosi rimontare due reti dall’Elche: alle reti di Uche e del solito Vietto, hanno risposto le reti di Jonathas e Rodriguez. Il Rayo ottiene un preziosissimo successo, dopo tre sconfitte consecutive, sul campo del Getafe: il derby minore di Madrid è stato deciso dalle reti di Jozabed e Baena. Ora il Getafe è in profonda crisi, aggravata anche dall’addio dell’allenatore Contra volato in Cina: a sostituirlo, dovrebbe essere Sanchez Flores. Continua l’incredibile campionato della matricola Eibar, ora addirittura ottavo, che ha superato l’Espanyol: alla Cornella el Prat, campo molto ostico, i baschi ottengono i tre punti grazie alle reti di Piovaccari e Del Moral. Infine il Depor supera il Bilbao per 1-0 (rete di Cavaleiro), mentre nel posticipo del Lunedì, il Cordoba si aggiudica per 2-0 il match salvezza contro il Granada, grazie ai gol di Ghilas e del giovane attaccante rumeno Andone.


Risultati

Atletico Madrid-Levante 3-1 (18′ e 47′ Griezmann, 62′ El Zhar, 82′ Godin)
Siviglia-Celta Vigo 1-0 (32′ Pareja)
Elche-Villarreal 2-2 (12′ Vietto, 17′ Uche, 26′ Jonathas, 35′ Rodriguez)
Deportivo-Athletic Bilbao 1-0 (24′ Cavaleiro)
Malaga-Almeria 1-2 (39′ e 76′ rig. Hemed, 73′ Samuel Sanchez)
Getafe-Rayo Vallecano 1-2 (3′ Vazquez, 39′ Jozabed, 64′ Baena)
Valencia-Real Madrid 2-1 (14′ rig. C. Ronaldo, 52′ Barragan, 65′ Otamendi)
Espanyol-Eibar 1-2 (34′ Del Moral, 37′ Piovaccari, 80′ Caicedo )
Real Sociedad-Barcellona 1-0 (2′ aut. Jordi Alba)
Cordoba-Granada (16′ Ghilas, 44′ Andone)

Otamendi, difensore argentino del Valencia
Otamendi, difensore argentino del Valencia

Classifica

Real Madrid* 39; Barcellona, Atletico Madrid 38; Valencia 34; Siviglia* 33; Villarreal 31; Malaga 30; Eibar 23; Celta Vigo, Espanyol, Rayo Vallecano 20; Athletic Bilbao 19; Real Sociedad 18; Getafe 17; Almería, Deportivo 16; Levante 15; Cordoba14; Granada 13; Elche 11.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *