Termina 2 a 2 tra Genoa e Atalanta, che cuore (rosso) questo Marassi!

 

2014112492034-Stadio-Ferraris-Genova

Marassi – Termina 2 a 2 il match il match tra Genoa e Atalanta. Gli undici di Gasperini, rimontano nel secondo tempo un vantaggio atalantino, firmato Zappacosta e Moralez, con i gol di Iago Falque (calcio di rigore) e Alessandro Matri.

Primi 45′ – L’inizio vede scalpitante la squadra di Gasperini, che nei primi 6′ trova per tre volte la via della porta: al 1′ ci prova Rincon, con un mancino al limite dell’area che finisce di poco fuori dallo specchio; un minuto dopo Matri di testa, impegnando Sportiello in un salvataggio centrale; e poi ancora al 5′, sempre di testa, ma a staccare questa volta è Edenilson, che manda alto il pallone di poco. L’Atalanta capisce il momento di difficoltà ed è brava a far sfogare il Genoa, mantenendo campo. Il ritmo è alto e non si vedono fasi di impostazione manovrate: è battaglia. Gli 11 di Colantuono aspettano i liguri, barricandosi su una doppia linea difensiva, molto schiacciata sulla propria tre quarti e tentando un pressing concitato sul portatore di palla. Il Genoa allora alza il baricentro, ma la manovra offensiva non è mai del tutto efficace e fatica faticare a trovare gli spazi. Pregievole il primo tempo della fascia destra genoana; sono ottimi gli scambi tra Edenilson e Iago Falque. Il Genoa ha in mano la partita, ma la manovra è frenetica e la densità degli uomini di Colantuono impediscono il pareggio. L’Atalanta approfitta dello spazio lasciato dalle ripetute offensive liguri e si fa trovare pronta: è il 37′ quando Zappacosta calcia in rete il gol del vantaggio, realizzando la prima vera occasione della squadra atalantina. Rimane così invariato il risultato alla fine del primo tempo.

La ripresa – Il Genoa riparte, nella seconda parte del match, alla ricerca del pareggio. La frenesia è però troppa e un errore in fase di impostazione al 47′ peggiora la situazione: Roncaglia perde palla a metà campo su pressing di Baselli, l’atalantino serve Moralez che batte Perin, è 2 a 0 per l’Atalanta. La squadra di Gasperini non demorde e attacca subito dopo, il ritmo è molto alto. Passano infatti pochi minuti, quando al 51′ Benalouane stende in area Matri. È giallo per l’atalantino e rigore per il Genoa, che realizza Iago Falque. Il Genoa ora vede il pareggio a portata di mano e il Marassi s’infiamma. La partita acquista un altro tono, forse più aspro e fisico, certamente più divertente. L’Atalanta è metodica: prova ad aspettare le incursioni dei genoani, cercando spazi in fase di contropiede; la scelta è logica e prudente, ma non paga. La squadra di Gasperini infatti ne approfitta per alzare il proprio baricentro e attaccare a tutto campo. E dopo un contropiede dell’Atalanta infatti, che sulla destra Edenilson batte sul tempo Sportiello, in uscita, e scodella un pallone per Matri, che realizza a porta libera il pareggio, al 69′. Entrambe le squadre cercano il vantaggio fino alla fine, senza trovarlo. Pregievole la parata di Sportiello su Feftatzidis sullo scadere, che salva il risultato.

GENOA – ATALANTA 2 – 2

MARCATORI – ZAPPACOSTA (37′), MORALEZ (47′), IAGO FALQUE (rig. 51′), MATRI (69′)

Arbitro – Irrati.

Genoa (3-4-3): Perin(6,5); Roncaglia(5 – al 55′ Feftatzidis 6), Burdisso(6), De Maio(6); Edenilson(7), Rincon(7), Bertolacci(6,5 – al 70′ Costa s.v.), Antonelli(6); Lestienne(6 – al 86′ Kucka s.v.), Matri(7), Iago(7).
A disp.: Lamanna, Sommariva, Izzo, Mandragora, Antonini, T.Costa, Kucka, Fetfatzidis. All.: Gasperini

Atalanta (4-4-1-1): Sportiello((6); Bellini(6), Benalouane(5), Stendardo(6), Dramè(5,5); D’Alessandro(5,5 – al 54′ Spinazzola s.v.), Baselli(6,5 – al 80′ Migliaccio s.v.), Carmona(6), Zappacosta(6,5); Moralez(6,5); Denis(6 – al 78′ Bianchi s.v.).
A disp.: Avramov, Biava, Gomez, Migliaccio, Molina, Scaloni, Del Grosso, Boakye, Spinazzola, Bianchi. All.: Colantuono.

MIGLIORE IN CAMPO SPORTMAIN: Matri (7) – Tanti gli elementi meritevoli tra le fila genoane. Da Rincon, che ha dispensato tanta quantità in mezzo al campo, a Edenilson, l’assistman del pareggio. Lodevole però la prestazione di Matri, forse più delle altre. L’attaccante numero 32 si è fatto trovare al posto giusto al momento giusto, realizzando un gol importante. A questo si aggiunge una prestazione di sacrificio e corsa. Ben fatto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *