Juventus – Inter ( 1 a 1): le pagelle del match. Pogba il migliore, Tevez non sbaglia mai

JUVENTUS:

Buffon 6 – Incolpevole sul gol di Icardi, compie un miracolo proprio sull’argentino a pochi minuti dal termine.

Chiellini 6 – Gara nel complesso buona anche se con qualche sbavatura, su tutte quella che lancia Icardi e Osvaldo soli contro Buffon. Nel primo tempo l’arbitro non vede la gomitata che Juan Jesus gli rifila in area neroazzura sugli sviluppi di un calcio d’angolo.

Bonucci 5.5 – Pesa tanto la disattenzione su Icardi nell’occasione del gol, l’attaccante neroazzuro lo brucia sul tempo e riesce a infilare il pareggio.

Evra 6.5 – La migliore prova fino ad ora, buono il feeling con Pogba e ottimo in tutte le chiusure.

Lichsteiner 6.5 – Mette sempre tanta grinta e quantità, molte volte raggiunge il fondo del campo ma gli manca sempre la qualità per mettere dentro cross insidiosi.

Marchisio 6.5 – Buona gara, molte volte si sostituisce a Pirlo nell’impostazione del gioco. Sicuramente alla squadra mancano molto i suoi inserimenti da dietro.

pogbaPogba 7 – Grande partita, nel primo tempo salta due difensori dell’Inter con un grandissimo numero ma Handanovic gli nega il gol. Tutte le volte che la palla passa tra i suoi piedi l’azione bianconera si velocizza, ogni tanto perde palloni insidiosi ma la sua presenza in campo è fondamentale.

Vidal 6.5 – In netta ripresa, la sosta gli ha sicuramente fatto bene. Meravigliosa la giocata che libera Tevez per il gol del vantaggio. ( 78′ Pereyra S.V)

Pirlo 5.5 – Gara difficile, Mancini parte con un centrocampo foltissimo e di palloni giocabili ne ha pochi. Nel secondo tempo soffre tanto il pressing neroazzuro e piano piano esce dalla partita.

Tevez 6.5 – Lui sotto porta non sbaglia quasi mai, undicesima rete in campionato in questa stagione. Giocare un po’ più lontano dalla porta esalta le sue qualità, ha più palloni giocabili e riesce ad essere pericoloso con il tiro dalla distanza.

Tevez

 

Llorente 6.5 – Probabilmente per essere un attaccante realizza pochi gol, ma la sua presenza in campo è fondamentale: è sempre il primo uomo a portare il pressing in fase di non possesso e molte volte indietreggia fin dentro l’area di rigore per aiutare i compagni. In più è la spalla ideale per Tevez, l’argentino può girargli intorno mentre lui tiene palla. ( 63′ Morata S.V)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *