Il Toro fa, disfa e risolve con Maxi Lopez: 3-2 sul Cesena al Manuzzi

 

CESENA – Nel match salvezza tra Cesena e Torino, i granata vanno in vantaggio 0-2 ma si fanno poi raggiungere dai padroni di casa. Nel finale, però, il neoacquisto Maxi Lopez trova il gol vittoria, regalando tre punti importantissimi al Toro. I ragazzi di Ventura salgono così a 22 punti, quelli di Di Carlo restano all’ultimo posto con 9.

 

LE FORMAZIONI – Di Carlo ha assenti in tutti i reparti, opta comunque per un modulo offensivo, un 4-3-1-2 che vede Brienza ad innescare Defrele e Djuric. Ventura deve rinunciare a Glik in difesa e lo sostituisce con Jansson, mentre in avanti ripropone la coppia Martinez-Quagliarella.

PRIMO TEMPO: INIZIO EQUILIBRATO, POI UNO-DUE DEL TORO – L’avvio di partita è piuttosto tranquillo, senza che nessuno crei particolari pericoli. Il Toro sembra comunque più in palla ed infatti al 20’ passa in vantaggio: arriva grazie a una gran botta di Benassi, su suggerimento di Farnerud. I romagnoli accusano il colpo e dopo due minuti ne subiscono un altro: cross dalla sinistra di Darmian, Quagliarella va a botta sicura e chiude un digiuno che durava da quasi tre mesi.

IL CESENA RIAPRE CON BRIENZA – Sembra tutto pronto per andare negli spogliatoi, ma nel finale di tempo il Cesena ha l’opportunità di riaprire la partita. Al 43’ Padelli stende Brienza in area, si becca un giallo e dà l’occasione al regista cesenate di accorciare le distanze; lui non se lo fa ripetere e trova il terzo gol in campionato.

SECONDO TEMPO: IL CESENA CI PROVA – La ripresa parte con un cambio per parte: nel Torino Darmian esce per un problema fisico e lascia spazio a Masiello, nel Cesena fuori Lucchini e dentro Cappelli. Sono proprio i padroni di casa ad andare vicinissimi al pareggio con Djuric al 48’. Il Toro è alle corde per i primi dieci minuti, poi ritrova le misure ai bianconeri. Ventura inserisce comunque forze fresche: prima El Kaddouri per uno stanco Benassi, poi al 67’ Maxi Lopez per un opaco Martinez. Di Carlo manda invece in campo Pulzetti al posto di Ze’ Eduardo. Il più pericoloso resta però Brienza; al 72’ un suo tiro viene murato da Jansson.

DAL 2-2 DI BRIENZA AL 2-3 DI MAXI LOPEZ – La pressione del Cesena si concretizza all’83: fallo di mano Jansson, ancora Brienza dal dischetto ed ancora gol. Sembra finita così, invece tre minuti dopo il Toro si riporta in avanti: è il primo gol granata di Maxi Lopez, che sfrutta al meglio un assist di Quagliarella e trafigge Leali in dinagonale.

 

CESENA-TORINO 2-3
Marcatori: pt 20′ Benassi, 22′ Quagliarella, 43′ Brienza rig., st 40′ Brienza rig., 43′ Maxi Lopez
CESENA (4-3-1-2): Leali 5; Perico 5 , Capelli 5 (st 1′ Lucchini 5.5 ), Magnusson 6 (pt 38′ Renzetti s.v.), Krajnc 6; Ze Eduardo 5.5 (st 24′ Pulzetti 5.5), De Feudis 6, Giorgi 5.5; Brienza 7; Defrel 5.5, Djuric 5. A disposizione: Agliardi, Bressan, Mazzotta, Carbonero, Volta, Nica, Perico, Cazzola, Cascione, Rudriguez. Allenatore: Di Carlo.
TORINO (5-3-2): Padelli 6; Bruno Peres 5.5, Maksimovic 6, Jansson 5, Moretti 5, Darmian 6 (st 1′ Masiello 4.5), Benassi 6.5 (st 15′ El Kaddouri 6), Gazzi 6, Farnerud 7; Quagliarella 7.5, Martinez 5.5 (st 22′ Maxi Lopez 7). A disposizione: Gillet, Castellazzi, Silva, Basha, Vives, Amauri. Allenatore: Ventura.
Arbitro: Guida di Torre Annunziata (assistenti: Preti-Calò; IV Ufficiale: Iori; assistenti di porta: Tommasi-Chiffi)
Ammoniti: pt 29′ Perico, 41′ Padelli, st 13′ Benassi, 30′ De Feudis, 34′ Giorgi, 37′ Peres, 41′ Moretti.

 

QUAGLIARELLA 7.5 (MIGLIORE IN CAMPO SPORTMAIN) – Dopo mesi di prestazioni deludenti, l’attaccante di Castellammare torna ad essere decisivo. Non solo ritrova il gol ma si fa sempre vedere e crea occasioni per i compagni. È fondamentale il suo assist per il gol decisivo di Maxi Lopez.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *