Tim Cup: Napoli in semifinale, Inter battuta al 93′

NAPOLI – “Siamo stati dei polli”, Mancini non ha altre parole per descrivere l’imbarazzante gol subito al 93′ dai suoi che ha concesso al Napoli di approdare alla semifinale di Coppa Italia. E ora la crisi nerazzurra non sembra potersi risolvere in breve tempo.

LA GARA – Benitez non vuole correre rischi e mette in campo i suoi uomini migliori, mentre Mancini lascia, come di consueto in Coppa Italia, spazio a chi gioca meno con una formazione rimaneggiata. E pensare che alla fine non saranno gli otto innesti su undici a deludere ma uno dei pochi titolari fissi, il capitano Ranocchia che ancora una volta è autore di un’incertezza ingiustificabile. Nel primo tempo sono i padroni di casa a fare la partita ma Carrizo e la difesa nerazzurra non soffrono più del dovuto. Inter che in una sola occasione sfiora il gol, al 3′ con Icardi che colpisce il palo. Nella ripresa sono invece gli uomini di Mancini ad avere in mano il pallino del gioco. Ottima la retroguardia del Napoli che chiude tutti gli spazi. Da sottolineare la prova di Koulibaly in campo al posto di Maggio indisponibile. Un tempo per parte e porte inviolate al 90′, ma ci sono 4 minuti di recupero prima dei tempi supplementari. Ed è al 93′ che arriva la rete che fa scoppiare il San Paolo. Da un fallo laterale Higuain prende palla e si invola verso la porta avversaria, sulla sua strada Ranocchia che si inventa un tentativo piuttosto maldestro di anticipo sull’attaccante avversario. Morale? Higuain non sbaglia e insacca alle spalle dell’incolpevole Carrizo regalando la vittoria e la semifinale di Coppa Italia ai suoi.

higuaingol

LE DUE FACCE DELLA MEDAGLIA – “Non ho molto da dire, non possiamo prendere un gol cos. Abbiamo fatto una buonissima partita, ma ogni volta regaliamo un gol agli avversari. Siamo stati troppo molli. Higuain è un giocatore furbo ed è scattato prima degli altri sulla rimessa laterale. Noi siamo stati dei polli, eravamo in cinque contro uno. Assurdo concedere un’occasione simile”. E’ praticamente senza parole il tecnico nerazzurro dopo la sconfitta dei suoi. L’amarezza è tanta, forse troppa, ma nonostante questo Mancini prova a ritrovare il lato positivo della serata: “Ci sono tanti elementi positivi. I ragazzi giocano e questo è importante. Stiamo diventando una squadra, ma non possiamo commettere così tanti errori”. Ma se l’allenatore riesce a trovare qualcosa da salvare non è cos’ì per i tifosi che sono ormai esausti, la speranza di vedere un miglioramento significativo ha lasciato spazio alla sola rassegnazione.

Morale di nuovo alto, invece, in casa Napoli con Benitez soddisfatto della prova dei suoi: “E’ stata una vittoria importante contro una grande squadra. La vittoria in Supercoppa ci ha dato grande fiducia, ma stiamo giocando come abbiamo sempre fatto. Contro l’Inter abbiamo aspettato di più per poi ripartire”. Un momento d’oro per i partenopei che continuano la propria corsa in tutte le competizioni in cui sono impegnati. Evidentemente guardare avanti “partita dopo partita” sta dando i suoi frutti.

SUGLI SPALTI – E mentre in campo l’Inter subiva l’ennesima sconfitta, sugli spati mancava una parte del tifo nerazzurro. I tifosi a bordo di due pullman provenienti di Milano sono stati fermati e trattenuti al casello di Napoli Nord al termine di una perquisizione dalle Forze dell’Ordine. Secondo quanto riferito dal quotidiano partenopeo “Il Mattino”, 52 sostenitori sono stati identificati e la loro posizione è ora al vaglio delle autorità che potrebbero disporre i Daspo a loro carico. Sui mezzi sono stati, infatti, trovati coltelli e bastoni. Arrestati anche due tifosi napoletani in possesso di “oggetti atti ad offendere e un coltello”.

NAPOLI-INTER (0-0) 1-0
Marcatori: 48′ st Higuain (N)
NAPOLI: Andujar 6,5, Strinic 6,5, Albiol 6, Koulibaly 7, Britos 6, Gargano 6,5, Lopez 6, Callejon 5 (Mertens 6), Hamsik 6 (Gabbiadini 6), De Guzman 6 (Ghoulam sv); Higuain 7,5 (MIGLIORE SPORTMAIN: implacabile come al solito. Ha una vera occasione, anche se solo al 93′, e la sfrutta al meglio ottenendo il massimo risultato con il minimo sforzo. Il Napoli non può fare a meno di lui, e forse lui non può fare a meno del Napoli). A disp.: Rafael, Colombo, Maggio, Henrique, Inler, Jorginho, Zapata. All.: Benitez
INTER: Carrizo 6,5, Nagatomo 5,5, Ranocchia 4, Juan Jesus 5, Santon 6 (Dodò sv), Brozovic 5, Medel 5,5, Hernanes 5,5 (Guarin 6), Shaqiri 6, Puscas 6, Icardi 5,5. A disp.: Handanovic, Berni, Vidic, Donkor, Obi, Kovacic, Palacio, Podolski, Kuzmanovic, Bonazzoli. All.: Mancini
ARBITRO: Mazza. Guardalinee: Giallatini, Passeri. Quarto uomo: Banti
Ammoniti: Gargano (N); Shaqiri, Juan Jesus, Medel, Puscas, Ranocchia (I)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *