Cagliari – Roma (1-2): la linea “Verde” risolleva una Roma in crescita

Cagliari – I giallorossi arrivano a Cagliari in emergenza e Garcia fa esordire a sorpresa dal primo minuto Daniele Verde. Il baby della Roma si posiziona sulla fascia destra con Totti unica punta e Ljajic a sinistra. Keità è il perno centrale davanti la difesa e si carica la squadra sulle spalle, mentre Torosidis prende il posto di un Maicon ancora non al top della forma. Il Cagliari schiera Cop come unica punta coadiuvato sulla trequarti da Edkal e Pedro; la bestia nera per i giallorossi, Daniele Conti, in cabina di regia. La Roma è costretta a vincere per non abbandonare definitivamente il sogno scudetto, mentre i sardi hanno bisogno di punti per allontanarsi dalle sabbie mobili.

Nasce una stellina, Daniele Verde – Il primo tempo permette al calcio italiano di scoprire un nuovo grande talento e peraltro italiano, Daniele Verde. A sorpresa è lui il vero spauracchio della difesa cagliaritana che non riesce a fermare l’incoscienza ma anche la personalità di un ragazzo dalle grandi doti tecniche e di velocità. Corre dal primo minuto, aiutando spesso la squadra nella fase difensiva ma allo stesso tempo rendendosi pericolo in quell’offensiva. Al 9’ dopo una bella incursione centrale prova un tiro dal limite dell’area che termina di poco alto. Al 19’ occasionissima per il Cagliari con Cop che a tu per tu con De Sanctis si fa respingere il tiro. Al 27’ è ancora Verde che di destro spara di poco fuori dopo una bella intuizione di Keità. Al 37’ ecco il gol della Roma. Ottimo uno due tra Verde e Ljajic, con il primo che stoppa il pallone e con una splendida pennellata degna del miglior Totti, offre un assist al bacio per il serbo bravo a concludere a rete. Termina il primo tempo con Verde migliore in campo per distacco.

daniele verde

Il Cagliari fa la partita e la Roma riparte in contropiede  – Nel secondo tempo i ritmi sono più lenti, ma è il Cagliari a fare la partita. Nel primo quarto d’ora si gioca poco per via di scontri di gioco che necessitano l’intervento dei sanitari. Al 61’ fa il suo esordio nel Cagliari M’poku. Stesso discorso nel minuto seguente per Sanabria che entra al posto di un Totti influenzato. Al 73’ Donsah, altro diciottenne, prova un tiro dal limite dell’area che termina di poco a lato. Al 78’ la più grande occasione per i sardi. M’poku lancia in area di rigore per Cop, che grazie a un errore di Yanga Mbiwa, si ritrova in ottima posizione solo davanti al portiere giallorosso, ma il suo tiro termina incredibilmente alto. All’ 80’ Verde viene servito in area da Torosidis ma il suo tiro finisce addosso a Brkic. All’ 85’ c’è il raddoppio della Roma con Paredes che dopo l’ennesima discesa sulla fascia di Verde, approfitta del suo cross per coordinarsi alla perfezione e scagliare il pallone alle spalle del portiere sardo. A pochi secondi dalla fine, M’poku ha il tempo di bagnare il suo esordio con un gol svettando di testa dentro l’area di rigore su una disattenzione di Holebas. La Roma ritrova il successo dopo un mese e riprende l’inseguimento alla Juventus.

  

CAGLIARI – ROMA 1 – 2 (0-1)

CAGLIARI (4-3-2-1): Brkic; Gonzalez (dal 61’ M’poku), Rossettini, Capuano, Avelar; Dessena, Conti, Donsah; Ekdal, Joao Pedro (dal 78’ Sau); Cop (dal 84’ Longo). All. Zola

ROMA (4-3-3): De Sanctis; Torosidis, Astori, Yanga-Mbiwa, Holebas; Keita, Nainggolan, Pjanic; Verde, Ljajic (dal 74’ Paredes), Totti (dal 62’ Sanabria). All. Garcia

Arbitro: Tagliavento di Terni

Marcatori: 37’ Ljajic (R), 85’ Paredes (R), 95’ M’poku (C)

Ammoniti: Rossettini (C), M’poku (C), Ljajic (R), Holebas (R) Sanabria (R)

MVP Sportmain: Verde (R)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *