Juve-Milan 3-1: il miglior Milan del 2015 si schianta contro il muro bianconero

JUVENTUS STADIUM –  Se il miglior Milan visto quest’anno va allo Juventus Stadium e ne prende 3, è facile capire come andrà a finire la stagione sia di una che dell’altra squadra. Gli uomini di Inzaghi sono attenti e provano a giocarsela a viso aperto, ma prendono 3 schiaffi e tornano a casa a testa veramente bassa.

CHE DIFESA – Cambiando gli uomini della difesa, il risultato non cambia: il Milan perde. Stasera debuttano Paletta e Antonelli nella squadra che affronta la Juventus, ma gli errori sono sempre uguali. Disattenzioni, distrazioni, errori individuali. Il primo gol di Tevez arriva da un errato fuorigioco fatto quasi a metà campo, che lancia l’Apache al duello contro Diego Lopez, che non si può opporre: 1-0 Juve e la strada si fa dura.
Il Milan però questa sera vuole onorare i big match che furono e decide di giocarsela meglio rispetto all’andata, provando anche qualche sortita offensiva. E da un calcio d’angolo arriva il pareggio inaspettato di Antonelli, che sale al terzo piano dello Stadium e va a colpire di testa insaccando alle spalle del Gigione nazionale, che incolpevole vede la palla gonfiare la rete: 1-1 e tutto da rifare.
La speranza (vana) dei tifosi rossoneri di mantenere in bilico il risultato dura il tempo di una esultanza, perché sugli sviluppi di un calcio d’angolo Tevez sporca la palla per Bonucci che con una zampata anticipa tutti e batte ancora il portiere rossonero: 2-1 e Bonucci che festeggia in stile Zidane, inciampando nei cartelloni pubblicitari e volando a terra.

NORMALE AMMINISTRAZIONE – Nel secondo tempo la situazione cambia poco. I rossoneri partono benino e sembra quasi che stiano meglio fisicamente, ma la vecchia signora si stava solo riposando per dare la graffiata finale. È il principe Marchisio che con il sinistro fa partire una rasoiata che si infrange contro il palo, ma la palla schizza verso il bel Morata che ribadisce facilmente la palla in rete: 3-1 e partita chiusa. Gli ultimi 20 minuti sono di normale amministrazione per la Juve, che gestisce le pochissime folate offensive rossonere portando al sicuro il risultato.
Ora il vantaggio sulla seconda è di +10, con la Roma che domani giocherà a Cagliari.
Per i rossoneri invece sarebbe impietoso scrivere a quanti punti siano sia dalla Champions che dalla Europa League, ma vi diciamo che sono tanti. Troppi forse, per sperare di tornare a competere in campo internazionale.

TABELLINO

Juventus-Milan 3-1 (primo tempo 2-1)

MARCATORI: Tevez (J) al 14′, Antonelli (M) al 28′, Bonucci (J) al 31′ p.t.; Morata (J) al 20′ s.t.

JUVENTUS (4-3-1-2): Buffon; Padoin, Bonucci, Chiellini, Evra; Marchisio (dal 39′ s.t. Ogbonna), Pirlo, Pogba; Vidal; Tevez (dal 47′ s.t. Llorente), Morata. (Storari, Rubinho, Barzagli, De Ceglie, Sturaro, Pepe, Pereyra, Coman). All. Allegri.

MILAN (4-4-1-1): Diego Lopez; Zaccardo (dal 33′ s.t. Rami), Alex, Paletta, Antonelli; Cerci, Poli (dal 17′ s.t. Bonaventura), Essien, Muntari; Honda; Menez (dal 37′ p.t. Pazzini). (Abbiati, Gori, Albertazzi, Bocchetti, Van Ginkel, Mastalli, Suso). All. Inzaghi.

ARBITRO: Damato di Barletta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *