Tennis, Rio: Sara Errani torna alla vittoria, Fabio Fognini si arrende in finale

Il torneo combine di Rio de Janeiro ha portato bene ai colori italiani. Nel 500 maschile Fabio Fognini si è arreso solo in finale a David Ferrer, mentre nell’International Sara Errani è tornata al successo dopo due anni di astinenza sconfiggendo Anna Schmiedlova. Ritorno alla vittoria anche per Ivo Karlovic a Delray Beach e Gilles Simon a Marsiglia, sconfiggendo rispettivamente Donald Young e Gael Monfils. Simona Halep conquista il Premier Five di Dubai battendo in finale Karolina Pliskova.

Sara-Errani
Sara Errani ritorna al successo a Rio de Janeiro, dopo un’astinenza di due anni

RIO DE JANEIRODavid Ferrer si conferma bestia nera per Fabio Fognini che si deve arrendere in finale nel torneo di Rio. Il tennista spagnolo si è dimostrato un avversario insuperabile e molto solido, lasciando solo 5 game al nostro Fabio. Il ligure è stato tradito dal suo dritto, dove ha commesso troppi errori gratuiti, con la reazione che è arrivata tardiva sul 5-1 del secondo set con l’avversario che serviva per il match. Ferrer in un’ora e 24 minuti con il punteggio di 6-2, 6-3, conquista il secondo titolo stagionale dopo Doha e il 23esimo in carriera. Fognini rimane fermo a tre titoli e si deve consolare con il 22esimo posto nel ranking, con sei posizioni guadagnate rispetto alla scorsa settimana.

DELRAY BEACH – Nell’Atp 250 americano si perdono per strada le prime tre teste di serie ed è così che Ivo Karlovic ne approfitta a suon di ace e battute vincenti. Non perdendo mai il proprio turno di servizio per tutto il torneo, il tennista croato batte nell’ultimo atto il padrone di casa Donald Young in un’ora e dieci minuti con un doppio 6-3. Karlovic torna al successo dopo due anni, mettendo in bacheca il sesto titolo Atp. Per l’americano seconda finale persa in carriera su altrettante disputate.

MARSIGLIA – I francesi, quando si tratta di giocare nella propria terra, tirano fuori i loro artigli. Dopo la vittoria di Gasquet a Montpellier, sono Gilles Simon e Gael Monfils a giocarsi il trono di Marsiglia. In un match di due ore e 30 minuti è Simon che la spunta con il punteggio di 6-4, 1-6, 7-6 (4). Nel tie break decisivo è Monfils che comincia meglio (0-2), ma poi il connazionale è più lucido (7-4), interrompendo un digiuno di vittorie che durava da Metz 2012. Simon conquista il 12esimo sigillo in carriera e da oggi si ritrova al 16esimo posto del ranking.

DUBAI Simona Halep si dimostra la più forte nel Premier Five di Dubai, conquistando il suo decimo titolo in carriera. La 23enne, numero 1 del seeding, si è dimostrata tale, sconfiggendo avversarie del calibro di Makarova e Wozniacki. Nella finalissima si è trovata di fronte una strepitosa Karolina Pliskova che in semifinale ha sconfitto Garbine Muguruza, in un incontro fra tenniste che saranno sicuramente protagoniste nell’immediato futuro. La rumena non si è fatta intimorire dalla giovane ceca, trionfando per 6-4, 7-6 (4) in un’ora e 47 minuti. Con i 900 punti guadagnati, Halep ritorna al numero 3 del mondo, sopravanzando nuovamente Petra Kvitova.

RIO DONNE – Finalmente si interrompe il digiuno di vittorie di Sara Errani che conquista l’International di Rio de Janeiro battendo in finale Anna Schmiedlova. Un successo non facile per Sarita che ai quarti ha dovuto annullare addirittura tre match point alla wild card brasiliana Haddad Maia. Una vittoria che ha dato una spinta in più all’italiana che in semifinale ha battuto Johanna Larsson e infine la slovacca per 7-5, 6-1. Quindi Errani torna ad alzare un trofeo dopo Acapulco 2013, il suo ottavo in carriera, riportandosi al 12esimo posto nel ranking, prima fra le azzurre.

Da oggi altra settimana impegnativa in programma, con ben tre tornei maschili e due femminili. Saranno ben due gli Atp 500, ad Acapulco e Dubai, mentre un 250 è in programma a Buenos Aires con Nadal e Fognini. Nelle donne Premier a Doha e International ad Acapulco.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *