Il Napoli ci mette il gioco, l’Inter il carattere: 2-2 al San Paolo

NAPOLI – Come ha detto Icardi “sono due punti persi più che uno conquistato”. Poche parole che racchiudono il senso di questo Napoli-Inter perché entrambe le squadre hanno perso la possibilità di dare un vero nuovo volto alla propria classifica. E invece il 2-2, con l’Inter in rimonta, non serve praticamente a nessuno.

OCCASIONE PERSA – L’occasione più ghiotta l’ha sicuramente avuta il Napoli che in soli 12 minuti, tra il 6′ ed il 18′ della ripresa, aveva messo in cassaforte la vittoria con il doppio vantaggio firmato Hamsik e Higuain. Ma l’Inter si sa che è pazza e allora niente è da dare per scontato. Capita così che al 27′ Palacio accorci le distanze e che poi lo stesso argentino riesca, con  mestiere, a procurarsi un calcio di rigore, che manda su tutte le furie gli avversari, negli ultimi minuti. E capita anche che Icardi con un rischiosissimo cucchiaio riporti il punteggio in parità quando tutto sembrava perduto. Nel recupero il Napoli, in dieci dopo l’espulsione per doppia ammonizione di Henrique, ha anche provato ad acciuffare per i capelli una vittoria a sprazzi meritata ma invano.

GIOCO VS CARATTERE – E’ il Napoli ad esprimere un calcio migliore nel corso della gara. E non parliamo di occasioni, quelle le hanno avute anche i nerazzurri, ma proprio del gioco. I partenopei sono apparsi più compatti, concreti e organizzati. L’Inter è ancora troppo sconclusionata: lo dimostrano gli errori in difesa, le palle perse a centrocampo ed anche le conclusioni sbagliate degli uomini più avanzati. Ma se a colpire degli azzurri di Benitez è il gioco ai nerazzurri va reso il merito di aver avuto, almeno questa sera, più carattere. Rimanere, in qualche modo, in partita dopo il doppio svantaggio non era semplice. L’Inter lo ha fatto riuscendo a trovare il pareggio all’ultimo (penultimo) minuto.

OTTICA EUROPEA – Ricapitolando: ci sono lati positivi e lati negativi per entrambe le squadre che giovedì giocheranno in Europa League: il Napoli in casa contro la Dinamo Mosca, l’Inter in Germania sul campo del Wolfsburg. Gli allenatori dovranno però lavorare molto sulle lacune mostrate in questa gara per evitare spiacevoli incidenti di percorso.

SILENZIO STAMPA – A dovere di cronaca segnaliamo il silenzio stampa imposto ai propri tesserati dal Presidente De Laurentiis nei confronti della testata giornalistica sportiva di Sky.

NAPOLI – INTER (0-0) 2-2

Marcatori: 6’st Hamsik, 18’st Higuain, 27’st Palacio, 42’st Icardi (rig)
NAPOLI: Andujar, Henrique, Albiol, Koulibaly, Strinic, Lopez, Inler, Callejon , Hamsik (Gabbiadini), Mertens (De Guzman), Higuain. A disp. Colombo, Rafael, Britos, Ghoulam, Zuniga, Jorginho, Zapata. All. Benitez
INTER: Handanovic, D’Ambrosio, Ranocchia, Juan Jesus (Puscas), Santon, Guarin, Medel, Brozovic (Hernanes), Shaqiri, Icardi, Palacio. A disp. Carrizo, Andreolli, Campagnaro, Dodo, Felipe, Vidic, Kovacic, Kuzmanovic, Obi, Podolski. All. Mancini
ARBITRO: Rocchi. Guardalinee: Costanzo, Meli. Quarto uomo: Petrella. Assistenti: Gervasoni, Cervellera
Ammoniti: Juan Jesus, Mertens, Brozovic, Guarin. Espulso: Henrique (doppia ammonizione)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *