Stoppato Gasperini, Paloschi sentenzia il Genoa: 2 a 0 per un super Chievo

 

alberto-paloschi-cheivo-celeb-v-lazio_2891577

 Marassi – Il Genoa si ferma in casa, battuto per due a zero dal Chievo di Maran. A segno Paloschi al 49′ e al 68′, che con una doppietta corona l’ottima prestazione della sua squadra, meritevole di aver saputo interpretare magistralmente una trasferta difficile come quella di Marassi.

Primo tempo – La prima parte di gara si sviluppa su due copioni tattici sensibilmente diversi: Il Genoa di Gasperini si presenta con un ormai confermatissimo 3-4-3, basato sull’ampiezza offensiva, le incursioni laterali e una manovra (forse troppo) manovrata. Il Chievo di Maran invece opta per un 4-4-2 funzionale quanto sicuro. La compattezza è la prerogativa di base di questo modulo, che si sviluppa sulle due linee difensive in fase di ripiegamento, che permettono al Chievo di gestire le incursioni e gli scambi a ridosso dell’area dei padroni di casa. La fase offensiva degli ospiti diventa quindi la ricerca della profondità, cercando Paloschi e Meggiorini, quest’ultimo pericoloso al 12′ con un tiro neutralizzato da Perin.
Il Genoa cerca invece lentamente di sbrogliare il bandolo della matassa, costruendo molto e sviluppando geometrie lungo tutto il fronte offensivo, ma la manovra è macchinosa e non riesce quasi mai a mettere in difficoltà la difesa del Chievo, molto brava a ripiegare sulle punte avversarie e a stringersi in fase difensiva.
La squadra di Maran, interpretando perfettamente la partita, mantiene il pareggio per tutti i primi 45′, perdendo Hetemaj al 30′ per uno stiramento (sostituito da Christiansen).

 

Rolando-Maran

La ripresa – L’ottima interpretazione del match da parte del Chievo prosegue nella seconda parte di gara, con l’exploit di Paloschi. L’assetto tattico di Maran è lo stesso del primo tempo; Gasperini invece prova a formulare un cambio di rotta con l’inserimento di Borriello al posto di Berddich, cercando presenza fisica e aerea con un uomo d’area. La partita prosegue quindi sugli stessi binari del primo tempo: la ricerca dell’offensiva manovrata da parte dei padroni di casa e la densità e la compattezza della compagine di Maran. Ed è proprio su una ripartenza del Chievo al 49′ che Meggiorini trova la palla vincente per Paloschi, il quale insacca il vantaggio, battendo Perin.
La doccia fredda del gol porta il Genoa al black out tattico. Lucidità e pazienza lasciano il posto alla frenesia di un pareggio che non arriverà. I ragazzi di Gasperini alzano di molto il baricentro, portandosi in avanti sulle corsie centrali e sfruttando gli inserimenti centrali di Bertolacci, pericoloso già dopo 7′ minuti dalla ripresa. Anche Borriello ci prova e va vicino al pareggio: prima al 59′ su assist di Bertolacci e poi al 63′, girando di testa sul secondo palo un cross dalla corsia di sinistra, salvato da uno straordinario Bizzarri.
Il baricentro alto e la frenesia del Genoa creano inevitabilmente spazi di ripartenza ed errori di impostazione che il Chievo di Maran è bravo a capitalizzare: è il 68′ quando Paloschi incrocia al volo una palla recuperata da un ottimo Meggiorini. L’apporto del reparto offensivo del Chievo si dimostra letale per la difesa genoana, sentenziando una partita sul 2 a 0.
Ottimo l’atteggiamento dei ragazzi di Maran, che con una lucida umiltà contengono le opache offensive genoane, riuscendo a concretizzare in gol le ripartenze guadagnate.

 

Genoa – Chievo 0 – 2

Marcatori: Paloschi(49′); Paloschi(68′)

Arbitro – Doveri.

Genoa (3-4-3): Perin(5); Roncaglia(5), Burdisso(4,5), De Maio(5,5); Edenilson(5 – Al 77′ Kucka s.v.), Rincon(5,5), Bertolacci(5,5), Bergdich(5 – Al 45′ Borriello 5,5); Falque(5), Niang(5 – Al 73′ Pavoletti s.v.), Perotti(5,5).
A disp.: Lamanna, Prisco, Tambe, Izzo, Marchese, Lestienne, Kucka, Mandragora, Laxalt, Borriello, Pavoletti.
Allenatore: Gasperini.

Chievo Verona (4-4-2): Bizzarri(6,5); Frey(6), Dainelli(5,5 – Al 74′ Gamberini s.v.), Cesar(6), Zukanovic(6); Schelotto(6), Hetemaj(6 – Al 30′ Christiansen 6) , Radovanovic(6,5), Birsa(6); Meggiorini(7 – Al 34′ Biraghi s.v.), Paloschi(7,5).
A disp.: Seculin, Biraghi, Gamberini, Christiansen, Cofie, Fetfatzidis, Pellissier, Pozzi.
Allenatore: Maran.

MIGLIORE IN CAMPO SPORTMAIN : Paloschi (7,5)- Il suo apporto tattico non è brillante, ma fa esattamente quello che si chiede ad un attaccante, e cioè segnare. E’ l’uomo perfetto per questo Chievo. Letale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *