Liga, 27^ turno: Messi trascina il Barça, Bale risolleva il fischiatissimo Real, l’Atletico alza bandiera bianca

È ormai una corsa a due: il titolo, nonostante tutte le difficoltà incontrate dapprima dai blaugrana e adesso dai blancos, se lo contenderanno Real e Barcellona. E già dalla prossima settimana, potremmo avere la candidata numero uno per il titolo 2014/2015: infatti Domenica 22 marzo andrà di scena il clasico. Ad inizio stagione Luis Enrique era alla deriva, poi ha saputo riprendere in mano la squadra: adesso tocca ad Ancelotti fare altrettanto, viste le brutte prestazioni dei suoi e i fischi che i tifosi non risparmiano, nonostante le vittorie e i titoli giunti insieme, all’allenatore italiano. È invece fuori dai giochi l’Atletico. Il derby vinto per 4-0 sembrava poter essere un punto di partenza per la rimonta che avrebbe potuto portare ad un incredibile titolo bis: invece da quel momento la squadra sembra essersi sciolta, ottenendo soli sei punti negli ultimi cinque turni. Adesso Simeone deve addirittura difendere, anzi riprendere il terzo posto visto l’assalto del Valencia che in questa giornata ha addirittura sorpassato i campioni in carica. In zona retrocessione, il Cordoba ha un piede e mezzo in segunda (tra l’altro in giornata è stato esonerato l’allenatore Djukic) mentre l’Eibar, con l’ennesima sconfitta consecutiva, vede la zona rossa avvicinarsi sempre di più.

Il trio delle meraviglie blaugrana
Il trio delle meraviglie blaugrana

Zona alta – Il Barcellona ha superato il pericolante Eibar, in trasferta, per 2-0: ha deciso una doppietta di Messi. L’argentino, adesso capocannoniere della liga, ha mostrato tutto il suo repertorio, con giocate d’altissima scuola ed è andato a segno persino con un colpo di testa su calcio d’angolo. City e Real e tutte le avversarie sono avvisate: se la pulga gioca tre mesi su questi livelli, il Barcellona fa il triplete. Il Real, dopo la debacle (senza conseguenze) contro lo Schalke in champions, ospitava il Levante: vittoria per 2-0 senza grossi patemi. Ha deciso una doppietta di Bale: due gol di rapina per il gallese, il primo dopo una traversa di Ronaldo in rovesciata ed il secondo deviando una conclusione dello stesso portoghese. Però i fischi del pubblico si sono fatti sentire sia prima del match, soprattutto verso Ancelotti (ritenuto colpevole dalla mini-crisi Real), sia a fine match verso tutta la squadra rea di aver dato poco spettacolo nonostante la vittoria. L’Atletico sembra invece affetto da pareggite ed è anche in crisi realizzativa: tre pareggi nelle ultime tre uscite e un solo gol realizzato. La trasferta contro l’Espanyol si è chiusa con uno 0-0: i colchoneros hanno cercato di fare la partita, hanno creato anche qualche occasione da gol, ma la bella squadra vistasi fino ad un mese fa, complice anche l’espulsione di Miranda, si è vista poco o niente. Simeone adesso deve almeno arrivare terzo e cercare la rimonta contro il Bayer Leverkusen in champions, altrimenti si potrebbe parlare apertamente di stagione fallimentare per i colchoneros, che rischiano di trovarsi a metà marzo fuori da tutti i giochi. Il Valencia, dal canto suo, viaggia a vele spiegate e si conferma la squadra più in forma dell’ultima fase del campionato (assieme a Bilbao e Barcellona) superando il Depor: dopo un primo tempo abbastanza complesso, gli xotos sono andati in gol con Parejo (su rigore) e con Paco Alcacer, appena subentrato a Negredo, su assist di Feghouli. Il Siviglia, dopo la trionfale partita di Europa League contro il Villarreal, ha superato l’Elche per 3-0 grazie alla doppietta di Bacca e al gol di Gameiro. Quinto posto più saldo per la squadra di Emery, visto anche il contemporaneo pareggio dei submarinos amarillos ad Almeria. Partita molto intensa quella giocatasi allo stadio “Juegos de mediterraneos”: tanti ammoniti, due espulsi e poche occasioni da rete, con il solo Silva a creare qualche palla gol per i padroni di casa.

Bale&Benzema
Bale&Benzema

Zona medio bassa – Il Malaga, settima forza del campionato, ha regolato il quasi retrocesso Cordoba per 2-0: reti di Juanmi e di Amrabat. Gracia sta facendo un ottimo lavoro con una squadra che sulla carta sembrava non poter lottare per la zona europea. Prosegue il gran momento del Bilbao. Dopo le difficoltà del girone d’andata, la squadra di Valverde è esplosa: quarto successo consecutivo in campionato con raggiungimento dell’ottavo posto (poche giornate fa la zona retrocessione era vicinissima), finale di coppa del re e tanto bel gioco. I baschi recriminano ancora per la partita di Europa league contro il Torino, unica nota stonata di questo brillante 2015. La partita contro il Celta è stata decisa dai soliti Aduriz e San Josè (difensore sempre pericolosissimo in zona gol). Il Rayo archivia la pratica salvezza grazie al successo contro il Granada: il 3-1 è stato deciso come sempre da Bueno, che prosegue nel suo magic moment tra le mura amiche mettendo a segno altre due reti. Adesso sono 15 in campionato, il primo marcatore umano tra gli extra terrestri della Liga. Infine nel posticipo del Lunedì la Real Sociedad ha superato il Getafe in trasferta: ha deciso la rete di Martinez (con deviazione di Guaita).

Bueno, attaccante del Rayo
Bueno, attaccante del Rayo

 

TOP XI: Casilla (Esp); Martinez (Soc), San Josè (Bil), Coke (Siv); Silva (Alm), Parejo (Val), Castillejo (Mal), Bale (Real); Messi (Bar), Bacca (Siv), Bueno (Ray).

RISULTATI

Valencia-Deportivo La Coruña 2-0 (61′ rig. Parejo, 72′ Alcácer)
Espanyol-Atletico Madrid 0-0
Eibar-Barcellona 0-2 (31′ rig. e 55′ Messi)
Rayo Vallecano-Granada 3-1 (8′ Cordoba, 65′ e 76′ Bueno, 94′ Embarba)
Celta Vigo-Athletic Bilbao 1-2 (17′ rig. Aduriz, 32′ San Josè, 64′ Larrivey)
Almeria-Villarreal 0-0
Malaga-Cordoba 2-0 (48′ Juanmi, 84′ Amrabat)
Siviglia-Elche 3-0 (18′ rig. e 31′ Bacca, 81′ Gameiro)
Real Madrid-Levante 2-0 (18′ e 40′ Bale)
Getafe-Real Sociedad 0-1 (66′ Martinez)

CLASSIFICA

Barcellona 65; Real Madrid 64; Valencia 57; Atletico Madrid 56; Siviglia 52; Villarreal 49; Malaga 44; Athletic Bilbao 36; Espanyol, Real Sociedad 33; Celta Vigo, Rayo Vallecano 32; Getafe 29; Eibar, Elche 27; Almeria, Deportivo, Levante 25; Granada 22; Cordoba 18.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *