Il motto degli Stark si addice alla Roma, la Lazio ad un passo dal secondo posto e il tracollo rossonero: ecco il pagellone della 27^giornata di Serie A

10 JUVENTUS – Fa letteralmente calare il gelo sul campionato. A + 14 dalla seconda in classifica, la squadra di Allegri può tranquillamente gestire da qui a Maggio inserendo il pilota automatico. CAPOLAVORO.

9 FIORENTINA – La squadra di Montella trova due gol in 6 minuti, facendo rivivere i fantasmi di Istanbul ai rossoneri, che crollano sotto i colpi viola. Paradossale come senza punte la Fiorentina giochi addirittura meglio. CHAMPIONS.

8 LAZIO – E chi li ferma più? Con la sconfitta della Roma i biancocelesti sono ad un passo dal secondo posto, che significa Champions senza preliminari. Vi ricordate le critiche di inizio anno? RIMONTA.

7 SAMPDORIA – Sinisa compie un piccola capolavoro. Lascia sfogare i lupacchiotti per poi sbranarli con un cinismo incredibile. Due tiri nello specchio della porta e due gol. Roba da Guinness World Record. SE PUOI SOGNARLO, PUOI FARLO.

6 VERONA – Dopo aver recuperato il Milan per i capelli, il Verona compie un altro fantastico passo verso la salvezza, bloccando il Napoli e battendolo per 2-0. con questa mentalità e con un super Luca Toni, la quota 40 sarò presto raggiunta e superata. OBIETTIVO SALVEZZA.

5 PALERMO – Perdere in casa contro la capolista ci sta. Quello che NON ci sta è il non aver osato a sufficienza. Con gente come Dybala in attacco è un dovere quasi morale provare a vincere la partita quando sei tra le mura amiche. Affrontare la prima della classe ha tolto un po’ di certezze ai rosanero, che comunque rimangono la squadra rivelazione dell’anno. PASSO FALSO.

4 INTER – Ma non era tutta colpa di Mazzarri? Mancini riesce ad avere una media punti anche più bassa dell’odiato ex allenatore del Napoli. Evidentemente avere Silva e Tourè in squadra aiuta e quando al loro posto hai Shaqiri e Kuzmanovic il risultato non può essere lo stesso. BAH.

3 NAPOLI – “Manca un euro per farne dieci”. Parafrasando un vecchio detto popolare, quando a Napoli c’è bisogno di fare il salto di qualità, la squadra si ferma. Benitez non è riuscito a far fare il cambio di mentalità decisivo per far crescere la squadra e ormai non ci saranno altre possibilità per poter sfruttare le varie occasioni che il campionato italiano ha concesso ai partenopei. Forse Rafa non è adatto a vincere i campionati. DELUSIONE DILUDENDO.

2 MILAN – Tracollo è la parola giusta per descrivere i 6 folli minuti di lunedì sera. Un Milan che non aveva giocato benissimo e che si era ritrovato in vantaggio con un gol di rapina di Destro. A 10 dal termine il tifoso rossonero finalmente credeva nella partita che poteva svoltare il corso della stagione. po ii giocatori viola hanno rimesso il Milan con i piedi per terra e ora la squadra di Inzaghi si ritrova dispersa nei meandri della zona mediocre del campionato. QUOTA SALVEZZA DA RAGGIUNGERE.

1 ROMA – “L’inverno sta arrivando” è il motto della casata degli Stark, famiglia appartenente alla famosa saga del Trono di Spade di Martin. E si addice perfettamente anche a Garcia e ai suoi uomini. Lo 0-2 subìto in casa non solo fa avvicinare le inseguitrici, vedi Lazio, ma fa piombare nell’inverno più profondo la lotta per la vittoria del campionato, oramai nelle complete mani della Juventus. Garcia ora dovrà essere bravo a lavorare sulla testa dei suoi giocatori se non vorrà rimanere fuori dall’Europa che conta il prossimo anno. INVERNO.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *