Milan, il protagonista della settimana: Suso

Milanello – Per Inzaghi, la pausa per le nazionali è stata l’occasione utile per provare nuovi schemi e testare. A spiccare, specialmente nell’amichevole contro la Reggiana, è stato principalmente Suso. Lo spagnolo, classe 1993 ed arrivato a Gennaio al Milan dal Liverpool, non ha trovato sinora spazio a causa del suo pessimo stato di forma e della poca fiducia che Inzaghi ha riposto in lui. Certamente non parliamo di un Cesc Fabregas o di un David Silva, però Suso non può essere ritenuto inferiore ai centrocampisti presenti nella rosa del Milan. Ha già militato nel Liverpool (seppur vedendo poco il campo) e mostrato buone cose nella stagione passata nell’Almeria. Galliani ne ha intravisto le potenzialità e soprattutto, visto che si trovava dinanzi ad un parametro zero, ha fatto il possibile per portarlo a Milanello. Il suo arrivo anticipato a Gennaio (inizialmente era previsto per Luglio) è testimonianza del fatto che la dirigenza creda nel giovane spagnolo. Dopo due mesi in naftalina, adesso per Suso potrebbe essere arrivata finalmente l’occasione di mettersi in mostra a Palermo, nel match che si disputerà Sabato pomeriggio. Scopriamo meglio questo giovane spagnolo.

suso liverpool

Suso – Giocatore dotato di buona tecnica e visione di gioco, Jesus Fernandez Sàez in arte Suso può essere impiegato sia come mezzala sia come esterno d’attacco. Dopo aver militato nelle giovanili del Cadice, si trasferisce in Inghilterra. Viene dapprima impiegato nell’accademy dei reds e successivamente esordisce in prima squadra. Disputa 14 match senza mai trovare la via della rete e mostrando una certa difficoltà nei confronti del ritmo del calcio inglese. Così il Liverpool lo manda in prestito all’Almeria nella stagione successiva. Suso si mostra molto più portato al ritmo del calcio spagnolo e contribuisce alla salvezza della squadra andalusa: mette a segno tre reti, condite da nove assist e costituisce l’elemento di maggior spessore del piccolo club spagnolo. In estate Rogers lo riporta a Liverpool, ma non lo impiega praticamente mai: a causa delle caratteristiche poco adatte allo schema dei reds e vista anche la scarsa condizione, Suso passa i primi sei mesi dell’anno seduto regolarmente in tribuna. Così si accorda con Milan e Liverpool e anticipa l’arrivo a Milanello con la speranza di ritrovare il campo in un campionato più consono al suo tipo di calcio. Finora non è andata così, ma Palermo potrebbe rappresentare un nuovo inizio. Dopotutto si parla di un giocatore ventiduenne e provare a credere in lui ad Inzaghi non costa nulla; tra l’altro il Milan potrebbe trovare un giocatore su cui porre le basi per la rinascita che, ovviamente, richiede tempo e investimenti.

suso almeria

Palermo – Dopo la pausa per le nazionali, torna la serie A e il 29^ turno (che si giocherà interamente di Sabato in vista della Pasqua) vedrà i rossoneri di scena a Palermo contro la sorprendente squadra di Iachini che, guidata da Dybala&Vazquez, ha centrato la salvezza con grande anticipo. Il Milan vuole dare seguito al successo ottenuto contro il Cagliari due settimane or sono. Questo il probabile XI che Inzaghi schiererà al Barbera: Diego Lopez; Abate, Paletta, Mexes, Antonelli; Poli, De Jong, Bonaventura; Suso, Menez, Destro.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *