Pjanic gol, De Sanctis super: la Roma torna a vincere all’Olimpico, Napoli sconfitto 1-0

ROMA – Roma con un unico obiettivo: mantenere il secondo posto. Napoli ancora in corsa su tre fronti, ma all’Olimpico vincere è un obbligo per mantenere vive le speranze di arrivare al secondo posto. Alla fine è la Roma a far festa: i giallorossi grazie a un gol di Pjanic tornano al successo in casa dopo addirittura quattro mesi (Roma-Inter 4-2). Il Napoli prova fino all’ultimo a strappare almeno un pareggio ma De Sanctis è insuperabile.

DE ROSSI RISCHIA, PJANIC SEGNA E POLEMIZZA – La Roma parte bloccata: le sicurezze di inizio stagione sono ormai un lontano ricordo, ora la consapevolezza è quella di dover prima difendere e poi attaccare. Con il passare dei minuti comunque la prestazione dei giallorossi sale, favorendo dell’ottima forma di Iturbe e Florenzi in attacco. De Rossi in avvio rischia l’espulsione, invece rimedia solo un giallo e viene graziato in altre due occasioni. Il capitano giallorosso appare nervoso e poco sereno. La partita si sblocca al 25′, quando la palla recuperata da Nainggolan viene difesa da Iturbe, servita a Florenzi che mette in mezzo per Pjanic:. Il bosniaco beffa con un rasoterra preciso Andujar, esultanza polemica contro “i giornalisti che spesso mi hanno criticato”. Il vantaggio scioglie alcune tensioni dei romanisti, che con Iturbe sono sempre insidiosi. Il Napoli prova le incursioni centrali con Mertens e De Guzman, mentre Callejon è fuori partita e Higuain è neutralizzato da Manolas. I partenopei sfiorano il pareggio con una conclusione di De Guzman, ribattuta in extremis proprio dal greco Manolas, poi l’azione si sviluppa sul fronte opposto ma Ljajic sciupa un’ottima occasione davanti ad Andujar. Il primo tempo si chiude sull’1-0, la partita dell’Olimpico è viva e qualsiasi scenario resta aperto.

DE SANCTIS SALVA IL RISULTATO – Nella ripresa le squadre si allungano e gli ampi spazi potrebbero favorire da un lato Iturbe-Ljajic, dall’altro il rapido Mertens, ma qualche imprecisione di troppo impedisce a Roma e Napoli di andare in gol. In particolare i ripetuti tentativi del belga Mertens vengono sempre respinti da un concentratissimo De Sanctis, decisivo in più di una occasione. Nel Napoli entra Gabbiadini per un evanescente Callejon. Sale la pressione della squadra di Benitez, mentre la Roma sembra calare fisicamente e, a meno di mezzora dal termine, inizia a pensare a difendere il risultato positivo. Al 67′ è miracoloso De Sanctis su conclusione di Gabbiadini: è la parata che varrà i tre punti. Nella Roma entrano Paredes, Yanga-Mbiwa e Ibarbo, Benitez sostituisce Higuain con Zapata. La Roma si chiude in difesa e respinge ogni tentativo napoletano: ottima la prova in fase di contenimento di Manolas e Astori. I giallorossi potrebbero chiudere la gara con Iturbe, servito da Ibarbo, ma l’argentino sbaglia da pochi passi. Il Napoli ci prova ancora ma senza trovare la rete del pareggio, così la squadra di Benitez scivola a -9 dal secondo posto. Sospiro di sollievo di Garcia: dopo due mesi di crisi, i sei punti di fila contro Cesena e Napoli permettono ai giallorossi di guadagnare terreno su alcune pretendenti alle prime posizioni, mentre si profila un duello con i rivali della Lazio per il secondo posto.

ROMA-NAPOLI 1-0 (1-0)

Marcatori: 25′ Pjanic

ROMA (4-3-3): De Sanctis; Torosidis, Manolas, Astori, Cholevas (71′ Yanga-Mbiwa); Pjanic (68′ Paredes), De Rossi, Nainggolan; Florenzi (80′ Ibarbo), Ljajic, Iturbe. A disp.: Skorupski, Lobont, Spolli, Cole, Balzaretti, Pellegrini, Doumbia, Verde. All. Garcia

NAPOLI (4-2-3-1): Andujar; Maggio, Albiol, Britos, Ghoulam; Jorginho, David Lopez; Callejon (62′ Gabbiadini), De Guzman (82′ Insigne), Mertens; Higuain (77′ Zapata). A disp.: Rafael, Colombo, Koulibaly, Henrique, Mesto, Zuniga, Strinic, Hamsik, Gargano. All. Benitez

Ammoniti: De Rossi (R), Cholevas (R), Albiol (N), Florenzi (R), Torosidis (R)

Arbitro: Rizzoli

Spettatori: 34.425

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *