Roma – Napoli (1-0), le pagelle dei giallorossi: Pjanic strappa la vittoria di freddezza, Iturbe e Astori sopra le righe

miraDe Sanctis: 7 – nelle uscite garantisce quasi sempre i brividi agli spettatori, improvvisandosi anche stopper. Salva allungandosi sul tiro di Mertens in avvio di ripresa e si supera sul tiro di Gabbiadini al 67’. Corona la prestazione con un tuffo al 93’ che congela tra le sue braccia il risultato.

Torosidis: 6.5 – nel vivo del gioco dai primi minuti. Coraggioso ad affondare il tackle con un brevilineo come Mertens. Anche quando si sposta a sinistra, riesce a contenere Gabbiadini e Maggio.

Manolas: 7 – lettura sapiente dal punto di vista tattico. Monumentale nelle chiusure in ogni angolo del campo.

Astori: 7.5 – i suoi anticipi netti e puntuali hanno stroncato sul nascere l’offensiva partenopea. Ha contenuto, anzi disinnescato la minaccia Higuain. Ottima prestazione.

Holebas: 6 – preferisce rimanere attento nella posizione, senza concedere terreno a Callejon (al 71’ Yanga-Mbiwa: 6 – difficile contenere Mertens ma comunque non ha demeritato).

De Rossi: 5.5 – troppo poco davanti alla difesa. Con il pallone tra i piedi toglie tempo alla manovra o rischia di perdere il possesso.

Pjanic: 6.5 – ha la prima occasione al ventesimo sfiorando di poco il vantaggio con un calcio piazzato dalla trequarti. Insacca poi con freddezza e precisione al 25’ su invito di Florenzi. Qualche giocata migliore in cabina di regia (al 68’ Paredes: 5.5 – si è visto a intermittenza).

Nainggolan: 6 – carente nella lucidità. Il motivo va ricercato nella continuità delle gare disputate che gli hanno tolto le energie. Regala comunque interventi decisivi.

Ljajic: 6 – le finte proposte hanno stordito ma non ubriacato i difensori azzurri. Eccede di egoismo al 38’ quando invece di concludere avrebbe dovuto servire in area i compagni iberi.

Iturbe: 7.5 – nelle vesti di centravanti boa, prende falli e fa salire la squadra. Indovina il primo corridoio per il gol di Pjanic. Scarta il portiere al 88’ ma si divora a porta vuota il raddoppio. Corre e sgomita ovunque, il migliore in campo.

Florenzi: 7 – spinge in tandem con Torosidis, ma con più convinzione dopo il 15’. E’ questione di minuti e confeziona l’assist vincente per l’1-0 dieci minuti dopo. Gara di quantità e personalità (al 79’ Ibarbo: 6 – il suo fisico è una dote che permette di guadagnare metri e secondi preziosi nel finale di gara).

All. Garcia: 6.5 – privato del suo pupillo Gervinho e di Totti, manda in campo una squadra che ha sofferto ma ha saputo portare in classifica altri tre punti fondamentali in chiave secondo posto. Ha ritrovato un coppia difensiva di spessore, oltre a puntare sull’instancabile Iturbe in attacco. Bene anche nei cambi, soprattutto Ibarbo si è rivelato importante per mantenere possesso e profondità nel gioco. Felice di aver invertito la rotta nei risultati all’Olimpico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *