Master Group Volley Cup, Play Off Quarti di Finale Gara 1: Buona la prima per Novara, Casalmaggiore e Modena. Giovedì scendono in campo Piacenza e Busto

Nel week end di Pasqua sono iniziati gli attesi play-off del 70° campionato di pallavolo femminile. Nessuna sorpresa in gara 1 vinta dalle tre squadre di casa Novara, Casalmaggiore e Modena. Giovedì sera scendono in campo la detentrice del titolo Piacenza e la finalista della scorsa stagione Busto Arsizio reduce dal secondo posto in Champions League.

igor
Comincia con un successo la corsa dell’Igor Gorgonzola Novara nei play-off 2014/2015

Igor Gorgonzola Novara – Foppapedretti Bergamo 3-1 (18-25; 25-21; 25-15; 25-21)

DIESEL – Comincia con una vittoria la rincorsa alla finale scudetto dell’Igor Gorgonzola Novara vincitrice della regular season. Le piemontesi si sono imposte in quattro set contro una buona Foppapedretti Bergamo che ha lottato su ogni pallone e ha fatto sudare le proverbiali sette camicie alle padrone di casa. Novara è contratta ad inizio match e Bergamo ne approfitta mettendo in difficoltà la ricezione dell’Igor e approfittando della gran serata di Celeste Plak, migliore delle sue con 28 punti ed il 57% in attacco, vince in scioltezza il primo set. La reazione di Novara è decisa e a metà del secondo parziale prende quattro punti di vantaggio, grazie agli attacchi di Barun (chiuderà con 23 punti ed il 49% offensivo) e Guiggi (precisa con un’ottimo 9/13) si porta sull’1-1. Nel terzo set entra in partita anche l’mvp dell’ultimo mondiale Hill (17 punti con 3 ace ed il 58% di ricezione perfetta) e Novara vola 16-8 a metà parziale +10 a fine set. La partita sembra chiusa ma Bergamo reagisce e conduce il quarto set fino al 18-19 quindi Barun si porta al servizio e crea il break decisivo per portare a casa la vittoria e l’1-0 nella serie.

Tabellino:

Novara: Barun 23, Hill 17, Klineman 13, Chirichella 11, Guiggi 10, Signorile 1, Sansonna(L); Bonifacio 1, Alberti, Partenio, Zanette. N.e: Kim.

Bergamo: Plak 28, Blagojevic 7, Melandri 7, Radecka 5, Loda 4, Paggi 3, Merlo(L); Sylla 8, Deesing, Mambelli, Mori.

 

Liu Jo Modena – Imoco Volley Conegliano 3-1 (25-19; 25-20; 20-25; 25-21)

RONDON – Dopo un finale di stagione complicato la Liu Jo Modena ritrova il sorriso imponendosi 3-1 contro l’Imoco Conegliano e si porta avanti nella serie per 1-0. Le modenesi scendono in campo senza Ferretti infortunatasi ad un dito della mano sinistra ma ritrovano un’ottima Giulia Rondon che smista bene il gioco su tutte le sue attaccanti e trova in Samantha Fabris un continuo punto di riferimento che realizza 26 punti con il 50% in attacco e 3 muri, molto bene Piccinini in seconda linea dove riceve con il 67% di ricezione perfetta e bene il muro con Folie a segno 4 volte e Rondon 3, precisa in attacco Rousseaux con il 42% ed un bottino di 12 punti. Conegliano paga i continui problemi alla spalla di Nikolova out da metà secondo set e non basta l’efficacia di Adams 14 punti con 11/15 in attacco e 2 muri e Ozsoy a segno con 13 attacchi.

LIU JO MODENA - UNENDO YAMAMAY BUSTO ARSIZIO
Samantha Fabris decisiva nella prima affermazione di Modena contro Conegliano

I primi due set sono molto simili con le ospiti che trovano piccoli vantaggi ad inizio parziale ma a metà set la Liu Jo crea break importanti e si porta comodamente sul 2-0. Il terzo set è molto combattuto Conegliano tiene tre punti di vantaggio sino al 9-12, poi Modena impatta e si procede punto a punto fino al 18-18 quando Conegliano realizza il break e superata quota 20 accelera e con un mortifero 0-4 accorcia le distanze. Il quarto set si gioca a strappi vantaggi alterni per tutto il parziale ma nel momento decisivo stavolta è Modena che ne esce vincente e sul 16-16 arriva il break di tre punti che spegne le speranze di Conegliano e prepara alla gioia di Modena che chiude con un attacco della neo entrata Ikic che sigilla il vantaggio nella serie.

Tabellino:

Modena: Fabris 26, Piccinini 12, Rousseaux 12, Folie 10, Heyrman 7, Rondon 5, Arcangeli(L); Ikic 2, Maruotti. N.e: Kostic, Muri, Petrachi.

Conegliano: Adams 14, Ozsoy 13, Fiorin 9, Barazza 6, Nikolova 6, Glass 4, De Gennaro(L); Nicoletti 8, Katic. N.e: Arimattei, Barcellini, Furlan, Boscosuro(L).

 

Pomì Casalmaggiore – Metalleghe Sanitars Montichiari 3-0 (25-21; 25-23; 25-19)

3-0 – Comincia senza intoppi il cammino della Pomì Casalmaggiore che si impone in tre set sulla Metalleghe Sanitars Montichiari. Le casalasche conducono il primo set dall’inizio e lo vincono con quattro punti di vantaggio. Nel secondo si ritrovano avanti per 8-4 ma Montichiari entra in partita si porta avanti fino al 20-22. La reazione della Pomì non si lascia attendere ed un break di 5 a 1 sugella il 2-0. Nel terzo parte meglio Montichiari che rimane in vantaggio fino al 17-18 poi una volta effettuato il sorpasso Casalmaggiore non molla più la presa e chiude in crescendo trovando il vantaggio nella serie. Decisiva ancora una volta Tirozzi a segno 18 volte con 3 muri, 3 ace ed il 55% di ricezione perfetta, bene Ortolani con 13 punti e Stevanovic con 10 punti di cui 4 a muro. A Montichiari non bastano i 13 di Tomsia e gli 11 dell’eterna Gioli.

Tabellino:

Casalmaggiore: Tirozzi 18, Ortolani 13, Stevanovic10, Gybbemayer 9, Gennari 8, Skorupa 1, Sirressi(L); Bianchini 2. N.e: Klimovich, Agrifoglio, Quigliotti(L).

Montichiari: Tomsia 13, Gioli 11, Brinker 9, Olivotto 6, Vindevoghel 5, Dalia 1, Carocci(L); Saccomani, Serena, Zampedri. N.e: Alberti, Milani, Mingardi(L).

VOLLEY 2002 FORLI - POMI CASALMAGGIORE
La Pomì Casalmaggiore vince per 3-0 la prima partita dei quarti

CHAMPIONS LEAGUE – Mentre in Italia sono cominciati i play-off in Polonia nel week end di Pasqua si è assegnata la Champions League femminile 2014/2015. Quest’anno c’era l’Unendo Yamamay Busto Arsizio a rappresentare i colori azzurri e le ragazze di Parisi hanno ottenuto un ottimo secondo posto. In semifinale si sono imposte per 3-0 contro le padrone di casa del Chemik Police grazie ai 19 punti di Diouf e ai 17 di Havelkova. In finale invece hanno provato a lottare alla pari contro una corazzata come quella dell’Eczacibasi Istanbul guidata in panchina da Gianni Caprara (vincitrice il giorno prima del derby turco contro il VakifBank di Guidetti e Costagrande) ma nulla hanno potuto e si sono dovute arrendere per 0-3 all’esperienza delle vecchie conoscenze del nostro Paese Poljak e Furst, all’esuberanza fisica della dominicana De La Cruz e alla leadership della campionessa del mondo ed MVP della manifestazione Jordan Larson-Burbach.

busto
Busto Arsizio sul secondo gradino del podio in Champions League

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *