Juve, la firma di Allegri sull’impresa del Franchi

Massimiliano Allegri (aka Il Conte Max)

Torino – Nonostante la lunga lista degli infortunati, che ieri sera si è allungata con gli infortuni di Lichtsteiner e Tevez, la banda Allegri ha ribaltato il risultato dell’andata e ottenuto l’accesso alla finale di Coppa Italia. Quella compiuta dai bianconeri è stata una vera e propria impresa, infatti mai nessuna squadra era stata in grado di capolgere il risultato e passare il turno dopo una sconfitta interna nella gara d’andata. L’ennesima dimostrazione della forza di un gruppo che sta dominando in Italia e continua a coltivare il sogno europeo.

Juventus

La firma di Allegri – Tanti meriti vanno riconosciuti senza dubbio ad Allegri. Noi lo avevamo detto in tempi non sospetti ( qui ) e dopo un inizio in linea con il triennio Conte l’ex tecnico del Milan ha plasmato la Juventus a sua immagine e somiglianza. Ieri sera si è preso diversi rischi, tra tutti quello di lanciare Matri titolare per sostituire Tevez tra l’incredulità generale. In realtà una scelta quanto mai azzeccata con l’ex Genoa che ha disputato una grande gara e sbloccato la partita con un gol di rapina. Ma fondamentale è stata anche la prestazione di Pereyra. Allegri si è coccolato l’ex Udinese dal suo arrivo a Torino, l’ha gestito e nel momento di massima emergenza a centrocampo ( Pogba, Pirlo ko) lo ha schierato titolare in gare fondamentali ricevendo in cambio corsa, assist e finalmente qualche gol.

Ora il Parma, ma.. – Sabato Tevez - Llorente - Morataalle 18.00 la Juve va a Parma per l’anticipo di campionato ma la testa sarà tutta alla sfida di martedì contro il Monaco in Champions League. Allegri è in ansia per le condizioni di Lichtsteiner e Tevez ma può sorridere grazie alla grande prestazione di Marchisio che ha superato i problemi al ginocchio accusati con la Nazionale e ieri sera ha disputato la solita gara di grande quantità e qualità. Per la gara del Tardini probabile spazio verrà dato a Llorente e Coman in attacco per far rifiatare Morata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *