Mertens, Hamsik e Callejon restituiscono il sorriso a De Laurentiis: Napoli 3 – Fiorentina 0

Napoli – Forse doveva succedere, prima o poi doveva succedere, alla fine è successo. Ma, forse, è normale che sia accaduto. Questo, in sintesi ermetica (e, non vogliatecene, pleonastica) la sintesi letteraria di Napoli – Fiorentina, ossia quel tris azzurro che fa appassire la viola. Nel derby delle deluse di Coppa Italia (entrambe fuori nonostante fossero partite con il pronostico a favore, dopo il turno di andata), è il trio di mezzepunte a far gioie il San Paolo: Mertens sblocca nel primo tempo, Hamsik (subentrato a Gabbiadini) e Callejon nel secondo rendono rotondo un risultato che poteva essere straripante se non fosse stato annullato il gol di Higuain nel primo tempo: palla ben oltre la linea, ma il giudice di porta (che, ricordiamo, è lì fondamentalmente solo per quello) segnala il “non-gol”.

FIORENTINA GIU’ – Forte contraccolpo per la Fiorentina, dopo la deprimente eliminazione dalla Coppa Italia. Montella non cerca alibi, ma la sua squadra è stata letteralmente inguardabile: senza anima, pochissimo gioco, tanta amarezza. In attacco stupisce l’ennesima panchina per Gilardino, Montella gli preferisce Ilicic (!!) come centravanti, sia pur adattato. Al centro dovrebbe guidare Borja Valero, ma non sarà così. Pessima prestazione per tutta la squadra, tradita dai suoi uomini migliori, tra quelli in campo: la precisazione è d’obbligo perché a nostro avviso Montella esagera col turnover, privando il suo undici di tante sicurezze.

HIGUAIN SHOW – Il ritiro punitivo post-Lazio sembra essere servito a qualcosa, perché il Napoli si presenta in campo con forti motivazioni. L’azioned del primo gol, dopo almeno 3 palle-gol fallte dai padroni di casa è sintomatica: rilancio della difesa, Callejon spizza di testa per Higuain che sulla tre quarti non viene aggredito, ha tempo di guardare prima a destra, poi a sinistra e serve senza problemi Mertens, che con un delizioso destro a giro supera Neto. Bella prova del belga, una spina nel fianco destro della farraginosa difesa toscana. Lo stesso Higuain si rende subito dopo protagonista di una gran tiro dai 25 metri: traversa, palla oltre la linea di almeno mezzo metro, palla fuori, si continua a giocare. Tecnologia dove sei?



SECONDO TEMPO, MONOCOLORE AZZURRO
– I secondi quarantacinque minuti riprendono il leit-motiv della prima parte di gara. Prima su un liscissimo della difesa viola (oggi davvero pessima, non si salva nessuno), Higuain si mangia un gol a tu per tu con Neto: tenta il dribbling ma si allunga troppo il pallone. L’errore vale tanto quello del giudice di porta, stavolta è l’argentino a negare il gol a se stesso. Ma l raddoppio arriva comunque, perchè sempre Higuain serve Hamsik, che colpisce con un tocchetto di destro in controtempo, fondamentale per beffare Neto: positivo l’ingresso dello slovacco, per Gabbiadini bisognoso forse di maggior riposo.

Callejon Napoli

RIECCO INSIGNE – C’è gloria per tutti, anche per chi non respira da tempo l’odore lieve dell’erba del San Paolo: fuori Higuain, tra gli applausi, dentro Insigne ed è proprio una pennellata del talento di casa, dalla sinistra, a servire Callejon che deve solo appoggiare, visto che il fuorigioco della Forentina non funziona a dovere (eufemismo: è completamente sballato!). Gara che termina qui: il derby delle incompiute è vinto dal Napoli, o forse – proprio in quanto tale – a primeggiare tra le incompiute è la Fiorentina, scavalcata dal Napoli e ferma a 49.


NAPOLI-FIORENTINA 3-0 (1-0)

MARCATORI Mertens al 23’ p.t.; Hamsik al 26’, Callejon al 44’ s.t.

NAPOLI (4-2-3-1) Andujar 6; Maggio 6, Albiol 6,5, Koulibaly 6,5, Strinic 6,5; D. Lopez 6,5, Gargano 6,5; Callejon 7, Gabbiadini 6 (dal 19’ s.t. Hamsik 6,5), Mertens 7 (dal 36’ s.t. Zuniga sv); Higuain 7,5 (dal 30’ s.t. Insigne sv). (Rafael, Contini, Henrique, Ghoulam, Mesto, Inler, Jorginho, De Guzman, D. Zapata). All. Benitez.

FIORENTINA (4-3-3) Neto 5,5; Richards 4, Savic 4, Basanta 4, Pasqual 5; Kurtic 5,5, Badelj 5 (dal 24’ s.t. Pizarro 4,5), Borja Valero 5; Salah 4,5, Ilicic 4 (dal 1’ s.t. M. Gomez 5), Vargas 4,5 (dal 13’ s.t. Joaquin 5). (Rosati, Rosi, Alonso, Tomovic, Go. Rodriguez, M. Fernandez, Aquilani, Diamanti, Gilardino). All. Montella.

ARBITRO Damato di Barletta.

NOTE Ammoniti Vargas, Koulibaly e D. Lopez per comportamento non regolamentare; Strinic per gioco scorretto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *