Scudetto serie A1 maschile di volley, Play off quarti di finale, salta il fattore campo

 

MACERATA – In casa dei campioni in carica si consuma la sorpresa più importante di questa prima giornata dei play off scudetto. Gara 1 che vede di fronte Macerata e Latina, vede trionfare Latina, che dopo un primo set di studio, vinto dai padroni di casa, innesca la marcia della squadra che non ha nulla da perdere e che ha qualità, mezzi e uomini per battere una Lube Banca Popolare Treia svogliata e apatica. L’arrivo di Ricardo fenomeno brasiliano già negli anni 90, sembra destabilizzare la squadra, anziché dargli una marcia in più, frena qualche compagno, che tuttavia sembra davvero irriconoscibile. Latina invece dall’altro lato fa tutto bene, Sottile gestisce bene le sue bocche di fuoco e domenica a Latina.., chissà che non si compia il miracolo.

La Sir esulta per la vittoria

 

SENZA SORPRESE – Rispetta il pronostico invece Parmareggio Modena che contro Cmc Ravenna, fa valere il fattore campo e vince 3-1. Bruno altro palleggiatore brasiliano, anzi il palleggiatore brasiliano dell’ultima generazione, distribuisce bene e riserva anche per se qualche invitante pallone, tanto da concludere con ben 7 punti all’attivo. Tuttavia saranno Vettori e Ngapeth i mattatori con 19 e 18 punti rispettivamente. Dal canto suo Ravenna ci ha provato e nel primo set ha sfruttato l’effetto sorpresa e riesce a conquistare il parziale grazie anche a Cebulj e Renan che sbagliano pochissimo.

parmareggio-modena-volley

VERONA VINCENTE – Anche Calzedonia Verona vince al tiebreak facendo saltare il fattore campo e battendo la Sir Safety Perugia, nonostante il solito Atanasajevic mette giù ben 27 palloni, ma la squadra veronese guidata da Andrea Giani, ha diversi uomini in forma come Gasparini, autore di 22 punti e non sono da meno Deroo e Sander (19 punti).

CONTINUA.. – Non finisce qua, manca all’appello ancora la gara di Trento contro Molfetta, spostata a mercoledì. Completato il programma di gara 1, tutti in campo gara 2 domenica 19 aprile, che potrà essere decisiva per diverse squadre, qualcuna non può più fallire, la Lube è all’ultimo appello e non sarà facile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *