Napoli, dal ritiro ai soliti noti: la squadra di Benitez si rialza in 180 minuti tra Europa e campionato

Napoli- Quando il gioco si fa duro il Napoli di Rafa Benitez comincia a giocare e così ecco che gli azzurri, dopo un ciclo nero che aveva compromesso la qualificazione Champions e l’eliminazione dalla Coppia Italia, sono tornati a marciare al ritmo dei soliti noti, Hamsik, Mertens, Callejon e dell’acquisto più azzeccato della Serie A: Manolo Gabbiadini.

 

EUROPA LEAGUE- Che Rafa Benitez fosse un allenatore da coppe, come si dice da queste parti, è un segreto di Pulcinella, infatti l’ex allenatore del Liverpool rende sempre al massimo in Europa, dove alla guida del Napoli ha ben figurato prima in Champions e poi è tornato ai quarti di finale dell’Europa League, da dove il club azzurro mancava dai tempi di un certo Diego Armando Maradona. A tutto ciò si deve aggiungere la prestazione maiuscola effettuata dalla squadra in una trasferta su un campo difficile come quello del Wolfsburg, squadra seconda in Bundesliga al solo Bayern di Pep Guardiola.

I SOLITI NOTI-  La forza di questo gruppo ricompattato dal ritiro presidenziale sta nei soliti noti perché se Callejon torna a dominare la fascia destra, se Hamsik ritrova il suo tempismo nelle incursioni, se Mertens si dimostra incontenibile e se dal cilindro della panchina spunta fuori un giocatore del calibro di Manolo Gabbiadini la corsa al terzo posto Champions, distante ora 5 punti, e alla finale di Europa League di Varsavia è ancora possibile e anzi, non deve sfuggire a un club di questo calibro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *