Bomber Toni show e la prodezza del Verona, Sassuolo perde in superiorità numerica

Luca-Toni1

Bentegodi – Il Sassuolo vede sfumare la speranza di 3 punti apparentemente già conquistati, grazie ad una prematura superiorità numerica nel primo tempo. Di Francesco è costretto ad inchinarsi ad un Verona che sa come ripartire in contropiede e ad uno scatenato Toni, il quale sigla una pregevole doppietta.

Primo tempo – La decisione tattica di Di Francesco, un 3-4-3 audace ma funzionale, sembra la formula esatta nei primi minuti di gara, con il Verona schiacciato nella propria metà campo, a soffrire le incursioni laterali di uno scatenato Lazarevic. L’episodio chiave della partita arriverà al 17′: dopo un’ ottima occasione del solito Toni, il Sassuolo riparte in contropiede con Sansone, fermato irregolarmente da un intervento di mano da fuori area di Rafael, che viene espulso. Mandorlini è costretto quindi ad un cambio: fuori Valoti, (neo entrato in seguito all’infortunio di Jankovic al 14′) per Benussi).
Il Verona si schiera quindi su una doppia linea difensiva, con un 4-4-1, con Toni in solitaria in fase offensiva a reggere le manovre a suon di sponde.
L’espulsione di Rafael ridà un inaspettato vigore alla squadra di Mandorlini, riconfermando la legge universale che il calcio è uno sport meravigliosamente imprevedibile. Infatti, proprio nel momento in cui la squadra di Di Francesco è vicina al gol del vantaggio, il Verona si inventa un gol di collaborazione perfetta: Toni sponda per Sala, che con un no-look lancia Juanito, il quale con freddezza batte Consigli con un cucchiaio.
Il Sassuolo, forte dell’uomo in più, non ci sta e alza il baricentro alla ricerca del pareggio. Passeranno solo 5′ minuti, quando Zaza, cercato in area da un cross sulla corsia di sinistra, viene anticipato da un maldestro Moras che segna involontariamente l’autogol del momentaneo pareggio.

Gomez-2
La ripresa – Il break dell’intervallo permette alla squadra di Mandorlini di riorganizzarsi, preparandosi per un secondo tempo quasi perfetto. Il Sassuolo al contrario, rientra in campo con una calma incosciente, che pagherà inevitabilmente a caro prezzo. La squadra di Di Francesco tenta di amministrare il gioco, imponendo al Verona un baricentro basso, che faciliterà le ripartenze per i padroni di casa.
Passano esattamente 18′ dalla ripresa, quando Luca Toni inizia lo show, siglando prima il vantaggio grazie ad uno scambio di testa in area con un ispirato Juanito Gomez, poi chiudendo definitivamente la partita al 71′, dopo una cavalcata in solitaria e concludendo di sinistro alle spalle di Consigli. La doppietta realizzata lo porta così a quota 17 gol stagionali.
Floro Flores sul finale prova a scongiurare un risultato già delineato, realizzando il gol del 3 a 2 all’89’, il quale però non basterà a cambiare le sorti della partita.

Verona – Sassuolo 3 -2

Marcatori: Juanito Gomez (30′); Autogol Moras (35′); Toni (63′);Toni(71′); Floro Flores(89′)

Arbitro – Chiffi.

HELLAS VERONA (4-3-3): Rafael(4,5); Agostini(6), Marquez(6), Moras(4,5), Pisano(6); Sala(6,5 – Al 82′ Fernandinho s.v.), Obbadi(5,5), Greco(5,5); J.Gomez(7), Toni(8), Jankovic (s.v. – Al 14′ Valoti s.v. – Al 17′ Benussi 6).
A disp: Benussi, G.Rodriguez, Sorensen, Marques, Valoti, Christodoulopoulos, Saviola, Brivio, Campanharo, Fernandinho, Martic, Tachtsidis.
All. Andrea Mandorlini

SASSUOLO (3-4-3): Consigli(5,5); Acerbi(5,5), Cannavaro(6), Peluso(5,5); Lazarevic(5,5 – Al 58’Brighi s.v.), Biondini(5,5), Missiroli(5), Longhi(5,5 – Al 58′ Floccari s.v.); Berardi(5), Zaza(5,5), Sansone(6 – Al 73′ Floro Flores 6).
A disp: Pomini, Pegolo; Bianco, Natali, Fontanesi, Alhassan, Chibsah, Brighi, Taider, Sereni, Floccari, Floro Flores.
All. Eusebio Di Francesco

MIGLIORE IN CAMPO SPORTMAIN: Toni (8) – La doppietta di oggi lo porta a quota 17 gol in questa stagione. La cosa meravigliosa, più che le sue capacità da – rapace d’area – , è il suo entusiasmo nel trascinare l’Hellas alla vittoria, anche quando la partita è delicata, come quella di oggi contro il Sassuolo. Protagonista.

1 Comment

  • Toni immarcabile, ancora, a questi livelli. Giocatore veramente letale, anche ora che va per i 40…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *