Una Juve matura batte i campioni d’Europa: 2-1 contro il Real Madrid

il-boca-spaventa-la-juve-tevez-da-noi-a-giugno-

TORINO – La Juventus batte i campioni d’Europa 2-1. A segno nel primo tempo Morata (8’) e Ronaldo (27’); nella ripresa, Tévez su rigore (57’).

PRIMO TEMPO – Inizio col botto, all’altezza delle aspettative. I bianconeri sorprendono i blancos con un buon calcio nei primi venti minuti, dimostrando di volerla vincere. Subito Marchisio approfitta di un rinvio errato di Casillas, dentro in area per Vidal, che pensa troppo e non coglie l’occasione. Poco dopo ci prova con determinazione Sturaro, il sinistro dal limite, Casillas blocca sicuro. Chiamato subito in causa anche Buffon, al 5’, sul tiro-cross di Marcelo; occasione anche per Ronaldo, su punizione dai 25 metri respinta dalla barriera; sul contropiede della Juventus, Morata cerca il pallonetto, Casillas allontana. Si procede al alto ritmo, e siamo solo all’8’ quando di nuovo il portiere spagnolo respinge una conclusione di Tévez, il pallone rimane in gioco: Morata in agguato, appoggia in rete. 1-0. Quattro tiri in porta in otto minuti. Non si impaurisce i Real di Ancelotti, e al 12’ Ronaldo impegna Buffon in una splendida parata sul sinistro dalla distanza. Verso il 26’ i blancos rallentano leggermente la corsa facendo girare il pallone evitando il pressing dei bianconeri; al 27’, Rodriguez sfonda da destra anticipando Vidal, palla morbida al centro per Ronaldo: 1-1. Qualche minuto di difficoltà per la Juventus, nonostante il Real adesso pressi con meno intensità. Al 41’, Real vicinissimo al raddoppio: bella azione dei blancos che porta Isco al cross per Rodrguez, che si lancia di testa, traversa, Marcelo ribatte, troppo alto.

SECONDO TEMPO – Gioco un po’ bloccato all’inizio della ripresa, spezzettato da diversi falli. Al 12’ parte il contropiede della Juventus, Tévez si fa metà campo palla al piede, Marcelo atterra Morata al seguito dell’Apache, Carvajal commette fallo in area, è rigore per i bianconeri: Tévez dal dischetto, c’è il raddoppio. Il Real spinge, la Juventus rischia: al 20’ arriva il cross al centro di Ramos, non ci arrivano né Ronaldo né Hernandez, appena entrato. I bianconeri passano al 3-5-2 col cambio Barzagli-Sturaro, mentre i blancos si buttano tutti in avanti, tanto che per diversi minuti la Juventus non riesce a uscire dalla sua trequarti. È un finale in sofferenza. Verso il 90’, Varane sbaglia, ne approfitta Llorente, che salta Casillas e la mette al centro per Vidal, anticipato da Carvajal. Ultimi minuti in cui la Juventus tenta il tutto per tutto, e ancora si avvicina al 3-1: punizione di Pirlo dalla sinistra, Llorente di testa non colpisce bene, Casillas blocca. Finisce 2-1.

 

IL TABELLINO:

JUVENTUS-REAL MADRID 2-1 (primo tempo 1-1)

MARCATORI: Morata (J) 8’; Ronaldo (R) 27’; Tévez (J) rig. 57’

JUVENTUS (4-3-1-2): Buffon; Lichtsteiner, Bonucci, Chiellini, Evra; Sturaro (Barzagli, 64’), Pirlo Marchisio; Vidal; Morata (Llorente, 78’), Tévez (Pereyra, 85’) (a disp.: Pereyra, Pepe, Padoin, Matri, Barzagli, Storari, Llorente). All.: Allegri

REAL MADRID (4-4-2): Casillas; Carvajal, Pepe, Varane, Marcelo; Rodriguez, Ramos, Kroos, Isco (Hernandez, 63’); Bale (Jesé, 86’), Ronaldo (a disp.: Arbeloa, Navas, Hernandez, Coentrao, Jesé, Silva). All.: Ancelotti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *