La Juve va a Berlino: col Real 1-1 in sofferenza

gun__1381310671_uefa_champions_league

MADRID – Finisce 1-1 al Bernabeu tra Real Madrid e Juventus. A segno nel primo tempo Ronaldo su rigore al 22’; nella ripresa, a segno Morata (57’) come all’andata. I bianconeri passano il turno e arrivano in finale.

PRIMO TEMPO – Tra le file del Real ritornano Benzema e Kroos, si sposta invece Ramos sulla linea difensiva dopo l’esperienza non troppo positiva a centrocampo. La Juventus schiera il 4-3-1-2 più collaudato, con il ritorno di Pogba. Subito offensivi i blancos: Marcelo accelera e la mette al centro per Bale, che di testa non trova la porta. Buono l’atteggiamento dei bianconeri, che provano con calma a costruire. Al 6’ Benzema si libera in area lasciando Lichtsteiner sul posto, ma la conclusione è troppo alta. Poco dopo, Bonucci arriva in ritardo su Ronaldo, è punizione per il Real: va il numero 7 a calciare col destro a giro, deviazione, pallone alto di poco sulla traversa. Primo tiro in porta per la Juventus verso il 15’: Tévez recupera palla a metà campo e si accentra, scarica su Vidal che calcia in porta, ma il tiro è debole. Il Real prende campo e schiaccia la Juve nella sua trequarti, provando gli inserimenti di Carvajal; al 20’, Bale carica il destro da fuori verso l’incrocio, Buffon si fa trovare pronto. È il 22’ quando Chiellini atterra James Rodriguez in area, è rigore per il Real: Ronaldo dal dischetto, tiro centrale, 1-0. La Juventus non reagisce subito, prova a costruire senza mai arrivare in porta e sprecando diversi calci d’angolo. In compenso il Real fa girare il pallone e crea non poche occasioni, tutte costruite sui cambi di gioco. Buffon respinge prima Benzema, il destro dal limite, poi Ronaldo e ancora il numero 9. Bianconeri decisamente in confusione.

SECONDO TEMPO – E i bianconeri continuano a non riuscire a uscire, almeno per i primi minuti della ripresa. Tanti errori a centrocampo e moltissimi palloni persi, non si riesce a impostare. Qualche spunto però arriva verso il 10’: ci prova prima Marchisio dalla distanza, di esterno destro, di poco largo; qualche iniziativa di Pogba, che salta Carvajal ma calibra male il cross in area, sbaglia anche Vidal, troppo altruista servendo Morata in fuorigioco. Al 12’, la respinta di Casillas su calcio da fermo, Vidal la mette centro, la sponda di Pogba per Morata, controllo e sinistro da dentro l’area, la Juventus trova il gol del pareggio. Ritmo più alto, con il Real che attacca, ma i bianconeri adesso difendono decisamente più ordinati rispetto al primo tempo. I blancos sfiorano il raddoppio con Bale, su cross di Marcelo, traversa sfiorata. Adesso anche la Juve comincia a fare veramente sul serio: Marchisio trova un bel cross per Morata sul secondo palo, lo spagnolo non ci arriva; al 25’ è Vidal a servire proprio Marchisio davanti alla porta, grande intervento di Casillas. Altra occasione per Bale, di testa su cross di Ronaldo, pallone ancora di poco sopra la traversa. Dopo la mezz’ora, Allegri sceglie il 3-5-2, entra Barzagli al posto di Pirlo. La Juve rischia anche di chiuderla a due minuti dalla fine, con un bel tiro di Pogba (assist Llorente, appena entrato), Casillas respinge; allo stesso tempo però il Real rischia di riaprirla, Buffon si rivela decisivo in alcune occasioni. Finisce 1-1.

 

IL TABELLINO:

REAL MADRID-JUVENTUS 1-1 (andata 1-2)

MARCATORI: Ronaldo (R) rig. 22’; Morata (J) 57’;

REAL MADRID (4-3-3): Casillas; Carvajal, Ramos, Varane, Marcelo; Rodrìguez, Kroos, Isco; Bale, Benzema (Hernandez, 67’), Ronaldo (a disp.: Illarramendi, Jesé, Pepe, Arbeloa, Navas, Hernandez Coentrao). All.: Ancelotti

JUVENTUS (4-3-1-2): Buffon; Lichtsteiner, Bonucci, Chiellini, Evra; Marchisio, Pirlo (Barzagli, 79’), Pogba (Pereyra, 89’); Vidal; Morata (Llorente, 84’), Tevez (a disp.: Sturaro, Coman, Padoin, Barzagli, Storari, Llorente, Pereyra). All.: Allegri

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *